Animali liberi: dove vederli in Italia

italia animali liberi

Chi viaggia ama il pianeta e gli animali.  I nostri bimbi hanno sette anni e non li abbiamo mai portati in uno zoo o un acquario. È una scelta non  facile e neanche comoda. Ma non impossibile. Noi gli animali  abbiamo imparato a vederli e ad amarli da  liberi. Da mamma so che i bambini sono affascinati dagli animali e non tutti possono permettersi un viaggio in Africa per vedere i leoni. Ma basta impegnarsi e fare una scelta di vita per far vedere gli animali ai nostri bimbi senza portartli in uno zoo. In Italia ci sono tantissimi posti dove osservare da vicino gli animali liberi o nel loro ambiente naturale, non in una gabbia o in un recinto. Non ci credete ? Ecco una mini guida sugli animali che vivono liberi: dove vederli in Italia

Animali liberi: il lupo

Il lupo è un’animale selvaggio e solitari eppure in Abruzzo c’è un luogo dove si possono vedere i lupi a pochi metri. È un’ esperienza incredibile. Leggi il nostro racconto e vedi il video della nostra visita al Museo del lupo in Abruzzo, con tutte le info utili.

Animali liberi: i delfini

Anche per vedere i delfini non bisogna andare per forza in un acquario. A Taranto puoi prendere un catamarano e osservare, fotografare e registrare anche la voce dei delfini . A ogni uscita con Madeintaranto è possibile registrare i parametri del mare e compilare le schede di avvistamento cetacei. È una vera ed emozionante spedizione scientifica.

Il contributo per partecipare alle attività è di 40 Euro per gli adulti, 20 euro per i ragazzi dai 4 agli 11 anni e GRATIS per i bambini dai 0 ai 3 anni. A bordo viene servito un buffet di prodotti locali, frutta di stagione e bibite sempre a disposizione.

Ma anche a Ischia e nel golfo di Napoli senza nessun tour è possibile vedere i delfini. Nella foto di copertina vedete una Stenella fotografata nel Mare di Ischia (Foto Rosario Balestrieri (ARDEA) per Oceanomare Delphis)

Animali liberi: i cetacei

Il Whale whatching se fatto con attenzione e in modo sostenibile è un’esperienza meravigliosa. Nel “Santuario dei cetacei” è possibile vedere capodogli, balenottere comuni, delfini, grampi, globicefali . Si tratta di un’area marina protetta (Progetto Pelagos) di 100.000 chilometri quadrati tra Tolone (Francia), Capo Falcone (Sardegna occidentale) e Fosso Chiarone (Toscana), in cui oggi è possibile navigare per conoscere meglio, ma senza disturbare, le specie protette presenti.

Animali liberi: snorkeling

E per vedere e sfiorare i pesci del mediterraneo una meta imperdibile è l’area marina protetta della Gaiola. Leggi tutte le info per una giornata nell’area marina della Gaiola, tra snorkeling e immersioni in 3d.

Animali liberi: le tartarughe

Sempre a Napoli, è possibile vedere le grandi tartarughe di mare, nel Tartle Point (leggi tutte le info) realizzato dalla Stazione Anton Dohrn. Qui le tartarughe non sono libere, ma sono tartarughe ferite da ami o da eliche o che hanno ingerito plastica e che vengono curate e poi rimesse in libertà- è un centro di studio aperto al pubblico.

Animali in libertà: gli asinelli bianchi

E lo sapete che in Sardegna, nell’ex colonia penale dell’Asinara, oggi è possibile vedere gli asinelli bianchi e i più comuni asinelli grigi, ma anche capre, dei cinghiali, mufloni, dei cavalli . Qui gli animali che corrono liberi sulla spiaggia.

Ci sono 16 operatori abilitati ai tour individuali e l ’isola si raggiunge anche con la propria barca, prenotando una boa, o con la motonave che opera da Porto Torres a Cala Real con due partenze al giorno.

Animali in libertà: birdwhatching

Dai boschi alle zone umide, dalle montagne al mare se volete fare il Birdwatching in Italia le Oasi Lipu sono una risorsa incredibile.

L’orso nel parco Nazionale D’Abruzzo

Nel Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, troviamo l’orso bruno marsicano, ci sono almeno 50-60 esemplari. Ma contattate sempre il servizio di sorveglianza del Parco allo 0863.9113241 e nelle ore notturne il numero verde 800.010.905. Non avventuratevi da soli e soprattutto rispettate gli orsi.

Animali liberi: gli insetti

E anche gli insetti si possono vedere senza tenerli prigionieri. A Napoli, a Città della Scienza (tutte le info ) c’è un ‘area dedicata agli insetti che si può visitare, ma è un’area di studio, si può entrare in piccoli gruppi e sempre sotto la super visione di un responsabile. Qui gli insetti sono tenuti in teche per osservare i loro comportamenti e non semplicemente per il piacere dell’uomo.

Animali in città

E non ci crederete ma è possibile vedere animali liberi, anche uccelli rapaci in città. A napoli c’è l’associazione Ardea.

Le Fattorie

E poi ci sono le fattorie, a Victoria, su Vancouver Island, questa estate ne abbiamo vista una che invece di produrre latte produceva carezze ( leggi il racconto sulla fattoria delle carezze) ed è stata una giornata commuovente, ma anche in Italia esistono tante fattorie didattiche, con galline, oche, e piccoli animali da cortile che vivono in libertà.

Centri di Recupero Animali selvatici WWF

Altro punto di riferimento per chi vuole vedere gli animali liberi sono le oasi Wwf e i centri di recupero degli animali selvatici. Per esempio nell’Oasi di Persano abbiamo visto le lontre.

E tutti gli altri animali?

E le tigri, i leoni, i pinguini, le giraffe? Bella domanda. Noi quello che diciamo ai nostri figli, che come tutti i bambini vorrebbero vedere gli animali da vicino, è che un leone portato via dalla Savana o un orso polare che vive in Italia sono animali infelici che soffrono. Anche se si pososno muovere in ampi spazi, l’Italia non è la loro casa. E la nostra curiosità deve rispettare la loro libertà.

Un film bellissimo da vedere tutti insieme è proprio Madagascar della Disney. I bambini sono molto più attenti e sensibili di noi e se gli spiegherete bene perché non li portate in un luogo dove l’animale vive in un recinto, lo capiranno. E li ameranno davvero.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.