fbpx

Worry dolls, le bambole Maya per far dormire bene i bambini

worry dolls

Notti insonni e agitate? Bambini inquieti e preoccupati? Chiudete gli occhi e immaginate di volare fino in Guatemala. Il popolo Maya ha una bellissima tradizione che potrà aiutare i nostri bambini (e non solo) a cacciare via i cattivi pensieri. Vi voglio raccontare la storia de “Los muñecos quitapenas” (le bambole scacciapensieri) , che nella cultura anglosassone le  chiamano: le Worry dolls. L’augurio è che Worry dolls  regalino ai nostri bambini sogni leggeri.

 

In questo 2021, che inizia così incerto e ancora carico di preoccupazioni per le famiglie italiane, viaggiare per noi è proprio questo: prendere da culture lontane riti, abitudini, leggende e… come veri cittadini del mondo farli nostri. Dal Guatemala vi porto una tradizione che amo molto e che spero potrà regalare un po’ di conforto a quante dio noi, accanto ai nostri bambini passano notti insonni.

Los muñecos quitapenas

In questo articolo vi racconto la tradizione Maya delle Los muñecos quitapenas, le Worry dolls, e come fare da soli a casa la vostra bambola scacciapensieri.

Siete pronti a iniziare con noi questo viaggio per portare via i pensieri tristi dei nostri bambini?

 

La storia delle Worry dolls o Los muñecos quitapenas

Los muñecos quitapenas sono bamboline di stoffa o lana vestite con i coloratissimi abiti tradizionali Maya. Per vestire le bambole vengono utilizzati tessuti di scarto e qualche volta vengono aggiunti degli attrezzi tradizionali, un cappello, un bambino ancora più piccolo nella fascia/marsupio.

Le fanno le donne e spesso per loro sono una fonte di guadagno per conquistare una piccola indipendenza economica.

Le mamme e le nonne le fanno per le bambine di casa e piano piano loro imparano a farle da sole, utilizzando quello che trovan oi ncasa, pezzetti di legno e ferro, pezzetti di stoffa, fili di lana.

Come funzionano le Worry dolls?

Per “attivare le worry dolls” c’è un vero e proprio rito.

worry dolls

Prima di andare a letto, bisogna concentrarsi sulla prorpia preoccupazione o il pensiero triste, raccontare alla bambola cosa ci preoccupa e chiederle di sopportare con noi il peso.

Poi  si mette la bambola  sotto il cuscino e  si va a dormire.

Prima di addormentarsi bisogna accarezzare la bambolina così che non soffra sopportando i nostri pensieri tristi.

Durante la notte la nostra Worry doll assorbe le nostre preoccupazioni e ci regala un sonno sereno.

L’operazione può durare solo una sera o anche sette sere.

Al mattino  le nostre preoccupazioni sembreranno più piccole, proprio come le bambole maya.

Di solito le Worry dolls vengono conservate in piccole cassettine di vimini o in sacchettini di cotone, in gruppi di sei, uno per ogni giorno della settimana (più uno di riposo).

mano ocn bambolina
Le bambole di Megan Griffiths

Secondo un’altra scuola di pensiero dopo aver confidato le nostre paure alla worry doll, bisogna riporla nel suo sacchetto di stoffa o nella sua scatola di legno prima di andare a letto, al resto ci pensa lei.

Le bamboline funzionano anche se il bambino durante la notte fa un incubo.

 

Il rito de Los muñecos quitapenas

Le bambole scacciapensieri sono piccole piccole, sono grandi quanto un pollice o poco più, ma molto potenti. Attenzione però non sono “bambole magiche” sono bambole potenti perché rappresentano un simbolo. Diciamo che sono un po’ come il Teddy bear, o l’oggetto transizionale, ma con un piccolo valore aggiunto.

Le Worry dolls non danno solo conforto alle nostre pene

ma ci aiutano a ritrovare un equilibrio positivo

Se ci pensate bene questa tradizione aiuta i nostri bambini ad avere una routine psicologica  positiva: nel momento in cui si passa dalla veglia al sonno si isolano e si rendono reali le preoccupazioni per allontanarle da noi e essere liberi e leggeri per sognare durante la notte e affrontare la nuova giornata.

Imparare da piccoli a prendere le distanza dalle proprie preoccupazioni e sapere di non essere soli, può davvero essere un grande dono. Le Worry dolls sono un tenero aiuto a diventare adulti più forti.

Come fare a casa le Worry dolls

 

In rete ho trovato due tutorial ( il primo  tutorial a questo link, i lsecondo nel video) , per fare le Worry dolls usando scovolini, lana e stoffa.

Ma come sapete io sono sempre sincera: queste bambole saranno efficaci, ma sono bruttine, perciò magari prendeteli come video ispirazionali, ma magari se sapete cucire cucite le vostre mini bambole scacciapensieri usando la fantasia, con lana colorata e vecchi scampoli si stoffa. E poi date vita alla magia dei sogni con i vostri bambini.

 

Dove trovare le Worry Dolls

E se come me non sapete cucire? On line ho trovato due shop meravigliosi.

Sharon è nella lontanissima , vive in Australia, ma le sue Worry dolls costano circa 8 euro e lei fa anche borsette e cerchietti e mi ha assicurato:  “Se ordinano dall’Italia, mi impegno a spedirle le bambole o gli accessori”.

Sharon usa le bambole maya proprio come piccoli amuleti porta coraggio, per aiutare i bambini dal dentista o ad affrontare le piccole paure quotidiane.

  • Per contattatre Sharon clicca qui

Megan Griffiths è una giovane illustratrice inglese e ha reato delle worry dolls fondendo la tradizione maya con quella boema. Sono meravigliose. C’è il leone sonnolento o il coniglietto, e trovo magnifico che un animale timoroso e timido come il coniglio possa dare forza ai nostri bambini.

Le bamboline di Megan sono tutte ricamate e rifinite nei più piccoli dettagli. Io le adoro e ne ho ordinate due per Enrico e Giulia. Nella foto di copertina c’è una foto dei suoi lavori.

  • Trovate Megan qui

Credo che i nostri bambini con una bambola a cui confidare le proprie paure, una bambola piccola piccola  da stringere in mano, ma molto potente, dormiranno sonni più sereni.

E quasi quasi ne cerco una da mettere anche sotto il mio cuscino.

Autore: viaggiapiccoli

Cristina e Francesco viviamo a Napoli, ma la nostra casa è il mondo...un mondo che scopriamo con i nostri "piccoli", i gemelli Enrico e Giulia. Siamo i coordinartori della grande famiglia di Viaggiapiccoli  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.