fbpx

Todi, cosa vedere in un giorno con i bambini

Todi Panoramica

E’ primavera e con una ciurma di bambini arriviamo a Todi. Il centro storico è pedonale, perciò girare con i bambini piccoli o anche in passeggino è facile e piacevole e, soprattutto, loro si sentono liberi. Todi è un borgo piccolo, gentile e accogliente. Ci siamo fermati a parlare con gli anziani seduti sulle panchine a mangiare il gelato e a chiacchierare con i negozianti. Ma se si va a Todi, cosa vedere in un giorno? 

Noi abbiamo trascorso una giornata in modalità slow, vedendo tanto, ma senza stancarci. Andare a Todi significa fare un salto nella storia, vi dico solo che il piccolo centro storico è circondato da tra tre cerchia di mura (etrusche, romane e medievali) che racchiudono vicoli medievali, chiese, piazze, angolini super panoramici.

E poi Todi è la città degli arcieri e potete avere la grande occasione di vivere in diretta un grande torneo medioevale, con sfide in diretta e laboratori per bambini. Subito dopo questo post vi racconto la festa degli arcieri, promesso.

Todi, cosa vedere: il tempio a forma di meringa

Ancora prima di entrare in città deviamo subito e ci dirigiamo al tempio di Santa Maria della Consolazione, che si trova all’esterno delle mura duecentesche della città. La chiesa è appena stata restaurata: è un maestoso edificio bianco e azzurro, circondato da prati. Interno a croce greca, con volta maestosa, ma è più bello il colpo d’occhio dall’esterno che non l’interno. I bambini si sono rotolati felici nei prati e hanno raccolto margherite. Ed Enrico l’ha ribattezzata : “La grande chiesa a forma di meringa”. Non trovate che sembri proprio una grande meringona?

 

Todi cosa vedere, Chiesa di San Fortunato

Chiesa di San Fortunato

Il centro storico di Todi, come abbiamo detto, è pedonale, perciò si lascia l’auto in un grande parcheggio, all’esterno delle mura e con un ascensore si sale in città ( gratuito). Prima tappa la Chiesa di San Fortunato.

Durante la visita alla chiesa,  abbiamo approfittato per parlare ai bambini di Jacopone da Todi e dei primi scritti in lingua “volgare”…. Prima siamo scesi nella cripta per vedere la tomba del frate, poi  abbiamo fatto sedere i bambini su una panca nella grande chiesa (abbastanza spoglia) e  abbiamo raccontando loro la storia di questo poeta, che divenne frate a 48 anni, dopo la morte della moglie.

Jacopone scoprì che sua moglie aveva  aveva indossato per tutta la vita un cilicio, procurandosi enormi sofferenze in nome dalla sua fede in Dio. Questa scoperta lo colpì moltissimo e, pentito della sua vita libertina, scelse la strada della penitenza e divenne frate. Venne poi scomunicato e incarcerato all’età di 67 anni, a causa della sua opposizione all’elezione a papa di Bonifacio VIII. A distanza di secoli, Jacopone continua ad essere una figura discussa e piuttosto scomoda, al punto che sulla sua lapide (che è nella cripta) fu volutamente anticipata di 10 anni la data della sua morte, così da non tener conto della scomunica. Ovviamente i bimbi ci hanno fatto mille domande, su cilici e scomuniche ed è stato divertente cercare di spiegare tutto in maniera semplice (guardate le loro facce!!!!).

Chiesa di San Fortunato interno
Chiesa di San Fortunato, i bambini ascoltano la storia di Jacopone da Todi

 

Pagando un biglietto di due euro è possibile anche salire (scalini larghi e comodi) sul Campanile di San Fortunato per ammirare una meravigliosa vista sulla città e i colli

Accanto alla chiesa c’è un piccolo laboratorio di Ceramiche di Deruta, (Ceramiche Rinascita del Dottor Patrizio Agostinelli). Se non riuscite ad andare a Deruta e volete portare a casa un ricordo dell’Umbria è una buona idea. Negozio piccolo, meglio non far entrare i bambini. Patrizio è molto gentile e produce lui tutti i pezzi, a mano.

Todi cosa Vedere, piazza del Popolo e le cisterne sotterranee

Piazza del Popolo è il cuore di Todi, qui accade tutto, qui si affacciano i palazzi più importanti del piccolo borgo medioevale, tra cui il palazzo Comunale (all’interno c’è anche un museo, che non abbiamo visitato) e il Duomo, eretto sui resti di un tempio dedicato ad Apollo. Ma qui la cosa veramente da fare è un giro delle Cisterne, costruite dai Romani: sono situate proprio sotto Piazza del Popolo e venivano utilizzate per raccogliere l’acqua piovana ( qui tutte le info).

La piazza che noi abbiamo visto è una piazza unica perchè sono esposte le “Todi Columns” dell’artista americana Beverly Pepper, installazioni tra gli 8 e i 12 metri, che erano già state esposte in piazza del Popolo esattamente 40 anni fa, nel 1979, con un evento unico per quel tempo, e successivamente donate dall’artista ai Musei Civici veneziani.

Le Todi Columns rimarranno nella piazza centrale di Todi fino a questa estate, poi saranno  installate nel Parco di Beverly Pepper, che sarà inaugurato il 14 settembre 2019. Questo sarà il primo parco monotematico di scultura contemporanea in Umbria e il primo dell’artista nel mondo: un parco di sculture, un percorso naturalistico-urbano immerso nel verde tra le mura medievali della città, che collegherà il Tempio di Santa Maria della Consolazione con il centro storico.

Todi cosa vedere, piazza Garibaldi

Piazza Garibaldi è a destra (faccia al duomo) rispetto piazza del Popolo ed è il punto perfetto da cui ammirare il panorama se non siete saliti sul campanile di San Fortunato.

Todi, cosa vedere la terrazza di via della Consolazione

Altro punto panoramico della città è la terrazza di via della Consolazione, proprio dove arriva l’ascensore del parcheggio. Da qui sembra di poter toccare le nuvole (foto di copertina).

Todi cosa vedere, passeggiata tra i vicoli

Todi non è grande, è curatissima e come vi abbiamo detto nel centro storico non ci sono auto. La cosa che forse ci è piaciuta di più è stata passeggiare tra i vicoli stretti, immaginando di fare un viaggio nel passato: un viaggio nel Medioevo. Una passeggiata tra scorci panoramici, stradine strette e angoli super instagrammabili, con piantine e gatti.

Todi, cosa vedere: Leo Wild Park

Leo Wild Park Todi

Leo Wild Park è un parco all’interno della riserva Todini, a pochi chilometri da Todi: è piccolo e curatissimo. Ha una grande area pic nic, prati per giocare e soprattutto animali liberi da vedere da vicino. Ci sono gli animali della fattoria e animali esotici, ma non è uno zoo. Qui sono stati accolti esemplari di specie tutelate in via d’estinzione o di animali sequestrati e salvati da situazioni di pericolo. Nel parco si possono incontrare cammelli, asini selvatici della Somalia, cervi, daini,  lama, buoi watussi, mufloni pellicani, struzzi, oche del Canada, maialini del Vietnam, bisonti Yak e molte altre specie.

Per visitare il parco si fa una lunga e facile passeggiata su un sentiero pianeggiante lungo un paio di chilometri che si snoda tra prati, alberi e laghetti, facilmente percorribile con passeggini o in bicicletta.

Anima del parco sono Leonardo Boccanera, un giovane perito agrario che ha fatto della sua passione per gli animali una professione, e sua sorella Valentina.

La struttura si trova in località Collevalenza ( l’uscita consigliata è quella di San Damiano). L’ingresso è possibile durante la bella stagione il sabato e la domenica, dalle ore 10:00 alle ore 19:00. E’ aperto tutti i giorni, ma bisogna prenotare.

Per maggiori informazioni è possibile visitare la pagina Facebook o contattare il numero 333 776 6055

 

Cosa vedere a Todi, la Cascata delle Marmore

Non a Todi, ma vicinissime, ci sono le cascate della Marmore, tappa assolutamente da inserire nell’itinerario. Una passeggiata tra spruzzi d’acqua e arcobaleni. Consigliatissima. Ci sono vari itinerari, dalla cascata in mezz’ora all’ itinerario classico, fino all’ itinerario completo, con servizi didattici su botanica e mineralogia per i bambini. Consultate il sito per programmare la vostra giornata alle Cascate delle Marmore, ci sono anche delle visite animate dedicate proprio ai bambini ( il biglietto costa cinque euro) : https://www.cascatadellemarmore.info/

Con il passeggino non è agevolissimo muoversi (ci sono molti gradini) e consigliamo di portare, soprattutto per i bambini, un Kway.

Costo del biglietto 10 euro, i bambini dai 5 ai 10 anni 7 euro

Segnaliamo all’ingresso un grande prato dove potersi stendersi o fare un bel picnic.

Dove mangiare a Todi

todi dove mangiare Dige's

Una soluzione veloce, economica e che piacerà sicuramente ai bambini. Noi abbiamo mangiato da Diges’s Pizza: pizzette al taglio, con i tavolini su piazza Jacopone da Todi.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X