newsletter-viaggiapiccoli
HomeItaliaEmilia RomagnaA bordo del treno di Dante, da Firenze a Ravenna

A bordo del treno di Dante, da Firenze a Ravenna

Sulle tracce di Dante, a bordo di un treno storico. Abbiamo fatto un viaggio nel tempo tra Toscana ed Emilia Romagna. La partenza dalla nostra Firenze, città in cui nacque Dante, fino ad arrivare alla meravigliosa Ravenna dove Dante passò gli ultimi anni della sua vita. Il Treno di Dante è un’avventura tra turismo, cultura e natura, perfetta per i bambini perchè si fanno tante soste, si scoprono posti nuovi e si impara a scoprire, e magari ad amare Dante, in movimento…e a i piccoli il movimento piace sempre.

Il treno di Dante, un 100 porte di inizio ‘900

Il Treno di Dante è un modello “100 porte” fedele a quello costruito nel 1928, non è stato modificato. L’unica novità è la possibilità di aggancio biciclette nel vagone che era adibito a “bagagliaio”; questo per promuovere il cicloturismo, il turismo lento e il viaggio ecosostenibile. Percorre 136 km dei quali 24 km in galleria, ben 30 gallerie! Al centro del treno è presente il vagone postale, che a suo tempo era utilizzato per il trasporto oltre che della posta anche delle merci di valore, per questo motivo risulta blindato e vi è una cassaforte. Curiosità: in ogni carrozza è presente un bagno e 1 ritirata come progettata ai primi 1900 con lo scarico diretto aperto su rotaie.



 

Dante, un po’ di storia

treno di dante

Durante Alighieri detto Dante, nato a Firenze tra maggio e giugno del 1265, grande politico e uomo d’armi prima ancora di essere scrittore, si era reso nel tempo personaggio scomodo e non aveva mai nascosto per quale fazione patteggiasse : appartenente alla fazione dei Guelfi bianchi, fu esiliato dall’allora Papa Bonifacio VIII non appena i guelfi neri salirono al potere: prima in Lunigiana, poi in Casentino, a Faenza ed in fine a Brisighella per poi rifugiarsi a Ravenna in quanto gli venne offerto l’incarico come ambasciatore del doge veneziano.  Morì tra il 13 e il 14 settembre 1321.

Cosa c’entra Dante con un treno?

Qual è la connessione  tra treno storico e Dante? Dante è legato a queste tappe in quanto ripercorrono la vita del poeta.

Da Firenze, città di nascita a Ravenna città dove ha passato gli ultimi anni della sua vita. A suo tempo è stato fondamentale per lo spostamento delle persone, la tratta Firenze-Ravenna fu una svolta  collegando per la prima volta il mar Tirreno con il mar Adriatico. Sappiamo che l’appennino Tosco Emiliano è insidioso e pieno di barriere, si passa in mezzo alle montagne.

Le fermate e le tappe del treno sono tutti luoghi che Dante ha visitato durante l’esilio e molti personaggi che troviamo della Divina Commedia sono persone che lui ha conosciuto nel suo cammino.

Si dice che Dante non avesse un bel carattere ed esistono tanti aneddoti su di lui: per esempio la città di Marradi si dice venne chiamata così perché un giorno Dante venne aggredito da dei briganti. Rispose al passante che lo soccorse dicendo che la gente del posto era tutta onesta: “saranno onesti ma radi”, da qui nacque Marradi!

Quando parte il treno storico da Firenze a Ravenna

Ecco gli orari e le corse del Treno di Dante 2023

Il servizio è attivo i sabati e le domeniche dal 15 aprile al 14 maggio, il 2-3-4 giugno e dal 2 settembre al 1 novembre.
Il Treno parte da Firenze ed effettua  delle fermate a crociera di 1h 30 minuti presso Faenza, Brisighella o Marradi durante i sabati e le domeniche.
E’ possibile verificare orari e fermate al seguente link

Quanto costa il biglietto

Esempio sui prezzi:  2 adulti e un bambino dai 4 ai 12 anni in 2 classe: 161 euro a/r. C’è la possibilità di fare solo andata o solo ritorno, io consiglio a/r da Firenze. Specifico che al ritorno non è previsto intrattenimento sul treno.
Per maggiori info anche su eventuali pacchetti di viaggio consultate il sito.

Al Bordo del treno si incontra Dante in persona ( o quasi)

A bordo del treno incontriamo Dante che ci narra della sua vita. C’è anche Gaetana, detta Tana, la sorella che visse con lui a Firenze.  Per il viaggio di andata viene fornita una radiolina con auricolari per seguire meglio i loro racconti

Prima tappa del treno di Dante: Brisighella

Il treno la domenica fa tappa di un paio d’ore a Brisighella, il centro storico è un gioiellino medievale e si può decidere se visitare autonomamente oppure in compagnia di Dante. Da vedere la via degli asini lastricata in pietra dove passavano gli asinelli con blocchi gesso sulla groppa, una bella salita e tanti scalini ci portano alla bellissima rocca Rocca (entrata inclusa nel biglietto di ingresso)e alla Torre dell’orologio.

Visite gratis nei musei e mostre a Borgo San Lorenzo, Faenza, Marradi e Ravenna

Il biglietto del Treno Dante da diritto a visite gratis nei musei e mostre a Borgo San Lorenzo, Faenza, Marradi e Ravenna (fino al 1 novembre quindi anche se intendiamo tornare in un secondo momento), oltre che sconti in ristoranti o enoteche.

E’ stata una bellissima esperienza, adatta a grandi e piccini. Grace ha quasi 7 anni ed ha mostrato per tutto il viaggio estremo interesse!

I nostri consigli per il questa avventura sul treno storico da Firenze a Ravenna

Per quanto riguarda l’esperienza personale: consiglio assolutamente per i bambini dai 6 anni (che frequentano la prima elementare)

Grace, che appunto ha 7 anni, non si è mai annoiata ed ha seguito tutta la spiegazione all’andata con le cuffiette che ci hanno fornito. Oltretutto a scuola nelle settimane passate avevano seguito una lezione specifica su Dante ed è quindi caduta a pennello questa esperienza!
Al ritorno abbiamo visitato il vagone postale e la prima classe dopo di chè si è intrattenuta disegnando Dante e la giornata appena trascorsa. E’ comunque una giornata impegnativa in quanto siamo rientrati a Firenze intorno alle 21,30, ma fattibilissima.

RELATED ARTICLES

SCRIVI UN COMMENTO

Per favore inserisci il commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

anglovillebambini fanno aerosolsqualiparchi-divertimento-emilia-romagna

Assicurazione-viaggio

Iscriviti alla Newsletter

Rimaniamo in contatto - Entra a far parte delle famiglie Viaggiapiccoli, riceverai via mail agende esclusive con eventi nella tua città, codici sconto, offerte e itinerari in anteprima

Chi siamo

Eravamo in due, Francesco e Cristina, improvvisamente ci siamo trovati in quattro, quando nel 2012 sono nati Enrico e Giulia. Abbiamo capito che le nostre vite sarebbero cambiate, ma non volevamo rinunciare alla nostra passione: VIAGGIARE. Grazie ai nostri “piccoli” abbiamo capito che esiste sempre un viaggio giusto.

Giulia Gardini
Mi chiamo Giulia Gardini e sono cresciuta mangiando piadina a tutte le ore e i cappelletti in brodo anche a Ferragosto, continuo a farlo ora con i miei bimbi. Da quando sono nati Margherita , Federico e Ludovica, io e il babbo Matteo stiamo riscoprendo la nostra Emilia Romagna, a misura di bambino.