fbpx

Norimberga con i bambini: cosa fare e vedere

papà e bambino castello di Norimnberga

È proprio nel cuore dell’Europa, è il vero ombelico del nostro continente. È una citta splendida, piena di monumenti, piena di storia, dove abbiamo respirato l’aria del Sacro Romano Impero e abbiamo dormito in un ostello ricavato in una torre delle mura difensive. Eppure, non è una meta turistica tra le più gettonate. È Norimberga. Noi ce ne siamo innamorati, è una meta a basso budget e family friendly. Seguiteci, vi portiamo nel nostro giro per Norimberga con i bambini.

norimberga

Norimberga: come raggiungerla

Norimberga si trova in Franconia, ed oggi appartiene al land della Baviera; dista 170 km da Monaco di Baviera, 300 km da Praga, 500 km da Vienna e 500 km da Berlino.

Ha un aeroporto ben servito e molto vicino al centro della città (solo poche fermate di metropolitana), con collegamenti diretti da Napoli, Bergamo, Palermo e Roma; la città è anche facilmente raggiungibile con uno scalo a Monaco di Baviera, oppure con il treno sempre da Monaco.

Norimberga con i bambini: uno sguardo sulla città

Il centro storico di Norimberga non è molto grande, e può essere visitato a piedi. Parliamo di una zona delimitata dalle antiche mura della città, un quadrato di 1,5 km di lato, più o meno, attraversata dal fiume Pegnitz.

norimberga

I monumenti della città sono stati tutti distrutti nella Seconda Guerra Mondiale, ma sono stati ricostruiti identici a come erano, e perfino con gli stessi materiali recuperati dalle rovine dei bombardamenti.

Quindi, la visita ha un carattere genuino, e non sa di ricostruzione.

norimberga bambino sul ponte

Passeggiare nel centro antico è già di per sé un’esperienza emozionante, perché dappertutto ci sono edifici antichi, costruzioni bellissime ed armoniose, chiese gotiche indimenticabili e case a traliccio.

Norimberga con i bambini: la piazza del Mercato

mercatino natale norimberga

Il cuore della città è la piazza del mercato (Hauptmarkt), dove spicca la Bella Fontana (Schöner Brunnen), alta ben 19 metri. Nella piazza si tiene il mercato alimentare, e d’inverno è ospitato l’imperdibile mercatino di Natale, pieno di prodotti artigianali tipici, tra i quali menzioniamo le famose statuine fatte di prugne ed albicocche secche (Zwetschgenmännle) ed i Lebkuchen di panpepato.

Norimberga con i bambini: cosa vedere

Dalla piazza del mercato si possono ammirare, a pochi passi:

  • la chiesa di San Sebaldo, il patrono della città (chiesa gotica);
  • la casa Fembo, dove un tempo abitava una famiglia ricca di Norimberga, che ospita un interessante museo di cui il pezzo forte è la casa stessa, dimora di una ricca famiglia di commercianti del diciassettesimo secolo;
  • il castello imperiale, o Kaisenburg, con la straordinaria cappella palatina a due piani.

Percorrendo poche centinaia di metri in più, si raggiungono facilmente a piedi:

  • la chiesa di San Lorenzo (St. Lorenz Kirche), spettacolare chiesa gotica;
  • la Weissgebergasse, una delle strade più romantiche della città;
  • la passerella del boia (Henkersteg).

Se avete solo una giornata da dedicare al centro di Norimberga, consigliamo di visitare almeno:

  1. la fortezza,
  2. la casa Fembo
  3. la chiesa di San Lorenzo.

Se avete più tempo, cercate di visitare tutti i musei ed i luoghi che vi abbiamo suggerito, o magari andate alla scoperta di altri luoghi con una guida, perché c’è davvero tanto da vedere e queste non possono che essere indicazioni di massima.

Il castello di Norimberga

Arrivati a Norimberga, la nostra prima tappa è stata il castello. La fortezza si divide in tre parti + una:

  • la Fortezza della Città (Stadtburg)
  • il Palazzo dell’Imperatore (Kaiserburg),
  • la residenza del Burgravio

In aggiunta a queste tre parti, c’è l’edificio che ospitava la Scuderia Imperiale, dove noi abbiamo dormito, perché è stato trasformato in un ostello, semplice ed economico, ottimo per le famiglie (ci sono stanze con bagno privato).

Noi abbiamo fatto un giro veloce nel castello, di circa un’ora e mezza, per vederlo per bene ce ne vorrebbero tre.

Da vedere

–          la Cappella Doppia, la splendida cappella imperiale romanica del 1200 d.C. , con il  settore inferiore riservato al popolo e la parte superiore per i membri di sangue reale che potevano entrare  direttamente dal castello.

–          La Sala Imperiale, un tempo destinata a  salone per le feste e sala da pranzo. Questa sala venne completamente distrutta durante la seconda guerra mondiale ma venne ricostruita, più grande di prima e oggi ospita un’esposizione sul Sacro Romano Impero. I bambini sono rimasti affascinati da un  meccanismo di ferro battuto mobile, che attraversava tutta la sala e come in un teatrin odelle marionette meteva in scena una battaglia tra cavalieri.

Con il biglietto di ingresso  si può visitare  (con una guida) anche l pozzo profondo che si trova al centro del cortile interno, scavato nella roccia fino ad una profondità di 47 metri.

Completate il giro salendo sulla torre rotonda Sinwell, per ammirare Norimberga dall’alto.

 

Orari d’apertura

  • Aprile – settembre:: ogni  giorno 9.00-18.00
  • Ottobre – marzo:: ogni giorno 10.00 – 16.00
  • Durante il Mercato di Natale: Lu.-Ve. 10.00 – 16.00; Sa.-Do. 9.00 -17.00 escluso Sa., 10.12.2016, 9.00 -16.00
  • Chiuso 01.01, martedì grasso, 24.12., 25.12., 31.12

Biglietti:

  • Biglietto cumulativo (palazzo con la cappella a due piani, museo del Castello, pozzo profondo e torre Sinwell):  7,- € / ridotto 6,- €
  • Dimostrazione nel  pozzo profondo e panorama dalla torre Sinwel : 3,50 € / ridotto 2,50 €
  • Palazzo con la cappella a due piani/museo del  castello: 5,50 € /ridotto 4,50 €
  • Giardino del  castello e giardino di Sybilla Merian: ingresso libero
  • L’ingresso al Castello Imperiale è compreso nella Norimberga Card

Norimberga, un po’ di storia

Le origini di Norimberga risalgono all’Alto Medioevo, e la prima citazione della città in un monumento ufficiale è dell’undicesimo secolo. La città ha vissuto lunghi periodi di prosperità grazie ai commerci, favoriti dalla posizione strategica, ed all’importanza politica che le è derivata dalla Bolla d’Oro, approvata nel 1356 dall’imperatore Carlo IV, che stabiliva le modalità di elezione dell’Imperatore del Sacro Romano Impero; la Bolla d’Oro stabiliva, inoltre, che Norimberga dovesse essere la sede della prima Dieta dell’Impero, dopo l’elezione di un nuovo sovrano.

L’importanza della città si nota già solo andandoci a passeggio, e nel magnifico Castello Imperiale ci si immerge nel Sacro Romano Impero (anche grazie a qualche trucchetto scenografico che avrete modo di apprezzare se lo visiterete) e si capisce la ricchezza e la centralità della città nel quattordicesimo e quindicesimo secolo.

Con la scoperta del Nuovo Mondo, Norimberga ebbe un periodo di decadenza collegato alla diminuzione dei traffici lungo le rotte tradizionali, che avevano appunto nella città uno degli scali fondamentali (un po’ la stessa cosa che successe a Venezia, e per lo stesso motivo).

Norimberga e il Nazismo

Purtroppo l’associazione tra Norimberga ed il Nazismo è inculcata nelle nostre, menti, grazie alle immagini di repertorio delle parate davanti a folle oceaniche, probabilmente mai viste in altri contesti.

Ma questo nasce dalla volontà di Hitler di eleggerla a sua città simbolo, ed è solo un ricordo lontano di un periodo limitato. La città ha in qualche modo espiato la sua colpa ospitando il famoso processo contro le alte cariche del partito nazista, tenutosi dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale, e terminato con la condanna dei maggiori gerarchi nazisti catturati.

Oggi si può vedere, nei pressi del laghetto Dutzendteich, il campo Zeppelin, dove si sono tenuti i raduni del partito nazista, e visitare il centro di documentazione che ne spiega la genesi e la fine, le cause e le conseguenze. Si può anche visitare l’aula dei processi di Norimberga, la famosa Sala 600.

Norimberga con i bambini: i suoi musei e la Playmobil

Playmobil Fun Park Norimberga viaggiapiccoli

Dei musei più belli ed importanti dal punto di vista della storia abbiamo già parlato, ma ce ne sono anche altri di diverso genere:

  • Museo del giocattolo (Spielzeugmuseum), dove si possono ammirare modellini in legno, bambole, giocattoli di latta, ed anche articoli più moderni, che raccontano la storia e l’evoluzione del giocattolo, di cui Norimberga è stata la capitale mondiale;
  • Museo delle ferrovie (DB Museum), dove sono esposti 40 veicoli, storici e moderni, e dove non mancano attrattive speciali per i bambini (un viaggio simulato in locomotiva e una grande ferrovia in miniatura);
  • Museo della cultura industriale (Museum Industriekultur), dove si vedono reperti dell’industrializzazione di Normberga, ma anche un’osteria ed uno studio dentistico dove si rivivono scene quotidiane di un tempo passato, ed un laboratorio di sperimentazione e giochi.
  • La casa di Albrecht Dürer: un po’ fuori dal centro c’è la casa del famoso pittore Albrecht Dürer, recentemente restaurata  si affaccia su piazza Tiergärtnertor, un vero gioiello con le tipiche case a graticcio. La stessa casa di Albrecht Dürer è una casa a graticcio ad angolo risalente al 1400,. La visita comprende la casa + il laboratorio dell’artista. Al suo interno si possono visitare l’abitazione e il laboratorio dell’artista.
    L’ingresso alla casa è libero con la Norimberga Card. Questo quartiere si può raggiungere tranquillamente a piedi dal centro città.

Non si può non sapere, se si visita Norimberga, che la città ha dato i natali ai famosi Playmobil, che sono nati per la precisione a Dietenhofen (circa 30 km dalla città) ma sono stati presentati al pubblico alla fiera del giocattolo di Norimberga del 1974. Leggi il nostro post sul Parco Playmobil, vi diciam osolo che è uno tra i più belli che abbiamo visitato.

Oggi si può visitare il Playmobil Village, un enorme parco giochi a tema, facilmente raggiungibile con l’auto o con i mezzi pubblici da Norimberga.

Norimbergacon i bambini : cinque cose da fare

  • Comprare caramelle giganti ai mercatini di Natale;
  • Inventare storie ispirandosi ai personaggi raffigurati nelle nicchie e nei coretti del centro storico;
  • Ammirare le chiese gotiche, gli archi a sesto acuto e le vetrate colorate;
  • Scommettere sul numero di wurstel che i bambini riusciranno a mangiare;
  • Trascorrere una giornata al vicino Playmobil Village.

Norimberga con i bambini: cosa mangiare

La cucina della Franconia è ottima, e d’estate ci sono diverse birrerie all’aperto dove si può mangiare bene e bere una birra nella tipica atmosfera rilassata della Germania meridionale.

Tipici sono i Nürnberg Rostbratwurst, piccoli wurstel non più lunghi di 10 centimetri, da mangiare con crauti e bretzel appena sfornati, i piatti a base di carne di maiale (assaggiate lo stinco, assolutamente), e le patate (in particolare all’insalata e sotto forma di Kloß, grosso gnocco di patate cotte).

D’inverno di mangia anche la carpa dei laghetti di Aischgründ, e non mancano i vini locali (la Franconia è una grossa produttrice di vini).

Norimberga, i mercatini di Natale

mercatini natale norimberga

E Norimberga a Natale si trasforma, con i mercatini di Natale, sono i più antichi della Germania e tra i più antichi d’Europa. Leggi il nostro racconto su Norimberga a Natale con tutte le informazioni utili.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X