fbpx

Disneyland Shanghai: un parco mozzafiato

Si può vivere senza magia? No. Anche i più seri hanno bisogno di un pizzico di polvere magica nella vita. E c’è un luogo in cui tutti, anche quelli burberi e scontrosi, tornano bambini: Disneyland.

Se poi si ha un bimbo, Disneyland, è una meta obbligata, per fermare il tran tran quotidiano e ricordarsi di sognare.

Il nostro sogno, come famiglia, è di vederli tutti, i parchi Disney.

 

Lo sapevate che il primo parco Disney è stato inaugurato in California nel 1955?

Oggi oltre al parco originale, ne esistono altri 5 nel mondo:

  • Walt Disney World, Florida, aperto nel 1971;
  • Tokyo Disneyland, Giappone, aperto nel 1983;
  • Disneyland Paris, Francia, aperto nel 1992;
  • Hong Kong Disneyland, Cina, aperto nel 2005;
  • Shanghai Disney Resort, Cina, aperto nel 2016

 

Noi siamo andati in quello di ultima generazione, Shanghai, e siamo rimasti a bocca aperta.

Disneyland Shanghay, un parco unico

Il Parco è nuovissimissismo: ha aperto il 16 giugno 2016. Prima differenza con gli altri parchi, non c’è la classica main Street sostituita dalla Mickey Avenue, una strada con negozi coloratissimi che rappresenta la città dove vivono i personaggi Disney. Noi abbiamo fatto ogni mattina colazione nella pasticceria di “Remy” del protagonista del film “Ratatouille”.

L’Enchanted Storybook Castle è un punto di incontro e ritrovo di tutte principesse Disney, con i suoi 60 metri, è il più largo, il più alto ed il più elaborato castello mai costruito in un parco Disney

 

Attrazioni tradizionali

Siamo rimasti a Disneyland due giorni. Il primo giorno ci siamo dedicati alla parte tradizionale, provando tutte le attrazioni di Gardens of Imagination e Fantasyland, perdendoci nel labirinto di Alice (ispirato al film “Alice in Wonderland” di Tim Burton (quindi diverso da quello presente a Disneyland Paris, ispirato al Classico del 1951), girando con le classiche “tazze” (ma a tema vasetti di miele di Winnie the Pooh) e sognando con Peter Pan nell’Isola che non c’è. La giostra preferita dei bambini è stata le montagne russe dei Sette nani, veloci e spaventose, ma non troppo. E ovviamente noi “femmine” abbiamo fatto per quattro volte una fila interminabile pur di sognare sul Carousel.

Le attrazioni mozzafiato

Il secondo giorno, carichi di magia e dolcezza, abbiamo esplorato Tomorrowland, Treasure Cove, Adventure Isle… e siamo rimasti a bocca aperta!

Velocità ed emozione

–          Tron Lightcycle Power Run

Attrazione ispirata al film Tron di Joseph Kosinski. Tron , è una specie di montagne russe su due ruote. Si attraversa un tunnel accompagnati dalle musiche dei Daft Punk e si salta in sella per un viaggio a una velocità di 96 km./h, per quasi un kilometro e a un’altezza massima di quasi 24 metri. L’accelerazione iniziale è impressionante, la posizione come in sella ad una moto una cosa mai vista prima. Brivido puro.

         Perché ci è piaciuto tanto?

        Nel parco non abbiamo incontrato turisti occidentali, ma solo cinesi, e i cinesi sono come bimbi, per le tazze di Winnie de Pooh o i cavalluccii c’erano file di 50 minuti, invece per le moto la fila era di cinque minuti e abbiamo fatto giri a ripetizione. I primi a salire sono stati i più coraggiosi , io ed Enrico…. Poi abbiamo convinto a salire anche mamma Cristina ( Giulia purtroppo non né potuta entrare perché non è abbastanza alta, bisogna essere alti 1 metro e 22). Lei è una fifona, ma il bello di queste montagne russe è che non sono spinte al massimo ,quando la moto potrebbe accelerare al massimo non lo fanno… c’è il brivido, ma senza paura. Adattissimo anche ai bambini (coraggiosi).

Facce da pirati

–          “Pirates of the Caribbean Battle for the Sunken Treasure”

È la versione cinese della famosa attrazione “Pirati dei caraibi”. Questa è stata la nostra attrazione preferita in assoluto, grazie a un mix di alta ingegneria, trucchi scenici, scenografia, si vive una vera battaglia pirata, si affonda nell’oceano, si riemerge, si partecipa ad uno scontro tra galeoni. È così reale che Giulia,  la più paurosa, la seconda volta l’ha fatto a occhi chiusi.

          Perché ci è piaciuto?

–          Le barche non vengono trainate dalla corrente dell’acqua o da un binario, ma da un innovativo sistema elettromagnetico che permette di controllare velocità e posizione di ogni singolo vascello e tutto risulta molto reale, poi grazie a un trucco, chiamato “Squinching”: le immagini proiettate vengono progressivamente distorte per dare l’illusione di trovarsi sempre in posizione perpendicolare allo schermo. Insomma sei sempre al centro dell’azione. Grazie poi a spruzzi d’acqua e ventate di aria fredda tutto diventa estremamente reale. Emozionante il momento in cui uno scheletro prende vita e si trasforma nel Capitano Jack Sparrow (si chiama Pepper’s Ghost, una tecnica che consiste nel riflettere le immagini su un vetro, però è talmente ben applicata che è impossibile non rimanere a bocca aperta).

Nell’area dei pirati poi c’è una vasta zona in cui i bambini si possono sfidare a battaglie d’acqua. Peccato che manchino degli asciugatori (come abbiamo visto nel parco Legoland), perché i bambini si sono divertiti e bagnati moltissimo, e ci è voluto tempo per asciugarli.

 

–          “Soaring over the Horizons”

Questa attrazione c’è anche nei parchi americani, ma per noi è stata emozione pura; Enrico e Giulia l’hanno ribattezzata “Il giro del mondo”. E l’abbiamo fatta due volte (tempo medio d’attesa 40 minuti). È un viaggio in tre D, le sedie sembrano alzarsi in volo, lo schermo circolare ti avvolge e tu voli su tutto il mondo, dalla Grande Muraglia Cinese alla Monument Valley, passando per Parigi e il Polo Nord. .. gran finale con i fuochi d’artificio sulla città di Shanghai. Anche in questo caso, come per i pirati, sbuffi di aria rendono il volo super reale. Un’attrazione che ci ha lasciato elettrizzati.

L’ingresso dell’area dedicata all’Avventura

Come vedere un parco Disney senza file

Lo abbiamo scoperto per caso, ma credo che questi fattori valgano tutti i parchi del mondo. Noi abbiamo avuto la fortuna di girare il parco di Shanghai senza file, e forse per questo ci è piaciuto tanto, perché:

1)        Siamo andati in settimana (da evitare sempre i week end!);

2)       la scuola era appena iniziata e c’erano pochi bambini. Il parco era frequentato soprattutto da ragazzi universitari e qualche mamma con bimbi piccoli, che fanno poche giostre;

3)       pioveva. All’inizio abbiamo pensato a una grande sfortuna, invece il meteo è stato il nostro più grande alleato. Quasi tutte le file e i giochi sono al coperto e nel parco c’era pochissima gente.

Gadget

Il gadget più venduto sono le orecchie di Minnie e Topolino. Costo 13 euro. L’acqua costava 1,26 centesimi, a Disneyland Paris, ricordo che costava 2 euro.

Le vere star sono loro, Topolino e Minnie

I biglietti

Il costo dei biglietti per due adulti e due bambini per due giorni di parco è stato di 315 euro.

L’albergo e i costi del parco Disneyland di Shanghai

Per arrivare in albergo devi prendere un piccolo battello e attraversare un laghetto. Ed è già romanticismo puro. Ti accoglie un pratino inglese con un roseto e una scalinata da vere principesse. L’albergo è un sogno: lussuoso e con tutti i personaggi Disney, una piccola tv che nella hall trasmette i filmati anni ’50 di Topolino e i vari personaggi a grandezza naturale che passeggiano nei corridoi e giocano con i bimbi. Belle anche le stanze: spaziose, con le lucine sui letti, la tazza di topolino in bagno, una poltrona con angolo lettura, grandi e morbidi lettoni. Personale gentilissimo, sempre presente e che parla inglese (evviva, è una rarità in Cina). Costo? Per quattro persone (due adulti e due bambini, una stanza con due letti matrimoniali) 210 euro a notte.Il costo dell’albergo è più basso di quello di Parigi, dove abbiamo preso uno degli alberghi più economici, ed abbiamo pagato 578 euro con i bimbi di due anni con due giorni di parco, ma una sola notte in albergo (contro 525 euro ed albergo extralusso a Shanghai).

 

 

3 Replies to “Disneyland Shanghai: un parco mozzafiato”

  1. teresa fiore says: 12 Settembre 2018 at 1:40 PM

    Grandi info come sempre…mi hai fatto venire voglia. Ma spero di vedere prima quello di Tokio! Ne ho già visti due: in Florida e, ovviamente, in Francia.
    Il mio suggerimento per Viaggiapiccoli: inutile andare apposta a Disneyland Paris (magari con i pacchetti tutto incluso nel periodo delle fatidiche comunioni), noi ci siamo stati lo scorso anno durante il ponte dell’Immacolata. Base a Lille, deliziosa per una visita ai mercatini di Natale, con volo da Napoli a prezzo stracciato, treno veloce che in un’ora ti porta davanti all’ingresso del Parco (inutile dire che i biglietti per l’aereo e, soprattutto, il treno vanno acquistati con largo anticicpo) ed intera giornata ben organizzata con il saltafila. Abbiamo visitato, praticamente, tutte le attrazioni e siamo riusciti a vedere il meraviglioso spettacolo di luci e suoni sul castello. Senza stress.Anche noi graziati dal tempo che ha fatto desistere i meno intrepidi.

  2. Anna says: 17 Settembre 2018 at 10:46 AM

    Che sogno questi parchi!! Io ancora non ne ho visto uno, ma ho una mezza idea per Disneyland Paris, che almeno è vicino… è stato davvero bello vivere con voi il viaggio in Cina, parchi compresi!

    1. viaggiapiccoli says: 17 Settembre 2018 at 12:07 PM

      Per Parigi, organizzati bene…leggi il commento qui di Teresa …viaggiatrice esperta

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X