Parco dell’Orecchiella: i bambini sulle spalle del gigante Appennino

famiglia cammina sull'appennino toscano

 

Boschi di conifere e cottage in legno. Siamo in Nord Europa? No, molto più vicino! Siamo in provincia di Lucca, al Parco  dell’Orecchiella: una parte di Toscana meno nota ma non per questo meno affascinante. Una meta piacevolissima per qualche giorno di relax e trekking in famiglia.

Dormire sull’appennino Toscano

Abbiamo scoperto quando eravamo già arrivati (purtroppo!) che le deliziose casette di legno sparse nel parco sono prenotabili per affitti turistici e gestite dal Corpo Forestale (Corpo Forestale dello Stato; Ufficio territoriale per la biodiversità di Lucca – Viale Giusti, 65 – 55100 Lucca – Tel. 0583/955525-26).

Lungo i sentieri del Parco ci sono anche alcuni ex alpeggi trasformati in graziosi agriturismi. A noi è piaciuto “Il Pruno”, vicino ad un fresco torrente ed al bosco didattico: è perfetto per bambini attivi e curiosi. www.alpeggiopruno.com

All’interno del Parco c’è anche un’area attrezzata per il campeggio con un rifugio accogliente: www.rifugioisera.com

Percorsi e attività nel parco Parco dell’Orecchiella

Il punto di partenza per visitare il Parco Nazionale è il Centro Visitatori dell’Orecchiella – Tel. 0583/619098.

Se cercate una guida per i  vostri. trekking chiedete della Coooperativa di Guide Locali (Coop. Garfagnana Vacanze). I bambini diventano subito piccoli scalatori con una vera guida a disposizione che racconta loro i segreti di flora, fauna e geologia dell’Appennino!

Il sentiero con gli orsi

bambino abbraccia stauta orso

Come passeggiate, non perdete il breve percorso lungo le riserve faunistiche Il percorso è lungo circa 1,5 km, il tempo medio di percorrenza è di circa 1.30 h …ma i ragazzi si fermeranno in continuazione: grandi recinti proteggono alcuni esemplari di cervi, mufloni, caprioli, galli forcelli e…orsi bruni!

Gli orsi sono particolarmente aperti e simpatici. Non sono tormentati da troppi turisti (il centro apre ai primi di giugno e chiude a settembre) quindi quando ne vedono alcuni sono disponibili e curiosi.

Aver visto gli Orsi non è abbastanza? Vicino al Centro c’è anche la Casa dei Rapaci.

Orto botanico e giardino montano

bambina nel verde

Se preferite Flora a Fauna, nei pressi del Centro ci sono un orto botanico e un “giardino montano”. L’orto è raggiungibile in 40 minuti di passeggiata mentre il giardino è a 30 metri dal Centro. Sono entrambi bellissimi.

Ai bambini è piaciuta la sezione delle piante edibili: da quel momento in poi hanno chiesto in continuazione “questa pianta si può mangiare?”

bambini giocano nel bosco

Nel parco ci sono anche dei Faggi monumentali: andate ad abbracciarli. I vostri figli forse vi prenderanno in giro ma non resisteranno alla tentazione!

Il sentiero della” faggiola fortunata”: percorso didattico

Dal sito del Parco Appennino (l’Orecchiella ne è una parte) abbiamo trovato  il riferimento del “sentiero della faggiola fortunata”, percorso didattico prenotabile. La storia racconta di una faggiola, che dimenticata da una ghiandaia sbadata, riesce a germogliare ed a crescere in maniera smisurata fino a diventare un albero secolare: il “Faggione”. Il percorso che raggiunge il Faggione è lungo circa 3 km, il tempo necessario per lo svolgimento dell’intero percorso, con le soste previste, è di circa 4 h, (può essere previsto sul posto anche il pranzo al sacco). Durante il percorso verrà raccontata la storia di Fortunata, affrontando varie problematiche legate alla protezione dell’ambiente.

Il sentiero Airone 2

Noi abbiamo fatto anche il sentiero Airone 2. È un sentiero impegnativo per i bambini: sono 12 km e c’è un discreto dislivello (attorno ai 600 mt) ma lo sforzo viene ripagato da una vista mozzafiato e dal senso dell’impresa. Se volete anche una ricompensa terrena fate in modo di arrivare al rifugio ristorante Il Fungo di Campaiana (piccolo borgo) per pranzo!

 

 

rita cecchi

 

 

 

Post a cura di Rita Cecchi

 

E se volete scoprire la toscana meno nota, semrpe Rita e la Sua famiglia ci raccontano la Val di Corina

Author: viaggiapiccoli

Cristina e Francesco viviamo a Napoli, ma la nostra casa è il mondo...un mondo che scopriamo con i nostri "piccoli", i gemelli Enrico e Giulia. Siamo i coordinartori della grande famiglia di Viaggiapiccoli  

One Reply to “Parco dell’Orecchiella: i bambini sulle spalle del gigante Appennino”

  1. filippo says: 10 Maggio 2021 at 11:35 AM

    ciao ragazzi, che bel racconto, e che bei posti!!
    una domanda, voi che ci siete già stati lo consigliate come gita di pochi giorni o addirittura in giornata il parco? oppure potrebbe valere la pena anche fermarsi addirittua qualche giorno o 1 settimana?
    Infine parlate nel racconto di deliziose casette di legno dove pernottare, ma non trovo online nessuna informazione, al numero di riferimento del centro visitatori non mi risponde mai nessuno..
    grazie mille!!
    ciao

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.