Viaggio in Giappone con i bambini

Il Giappone è un paese affascinante, ricco di storia e tradizione misti a una spiccata tendenza all’applicazione delle più moderne tecnologie. Meta di milioni di turisti ogni anno, è un luogo che potrebbe rivelarsi interessante non solo per gli adulti ma anche per i bambini, grazie a un tasso di criminalità molto basso che vi permetterà di godervi il viaggio senza preoccuparvi eccessivamente.

Periodi migliori

Le stagioni più gettonate per visitare il Giappone sono quelle intermedie, ovvero la primavera e l’autunno. Nel primo caso da marzo a maggio, nel secondo tra settembre e ottobre. In primavera è possibile assistere alla fioritura dei ciliegi, un vero e proprio evento nazionale in Giappone che trasforma strade e parchi in uno spettacolo rosa, con petali di ciliegio visibili praticamente ovunque, anche nell’affollatissima capitale.

Il periodo autunnale non è meno entusiasmante e la natura offre colori diversi ma egualmente stupendi, le foglie assumono colori che vanno dal rosso intenso al dorato, prima di cadere per lasciar posto all’inverno. L’estate, soprattutto il periodo tra luglio e l’inizio di settembre, è vivamente sconsigliata poiché le temperature si alzano molto, soprattutto in città, rendendo difficili escursioni e anche semplici giri turistici con i più piccoli al seguito.

 

Dove soggiornare

Di hotel in stile occidentale è pieno il mondo, quindi qualora preferiate questa tipologia di alberghi non incontrerete difficoltà nel prenotare una o più stanze in tutto il Giappone, tuttavia il nostro consiglio è quello di soggiornare presso strutture uniche chiamate ryokan. Si tratta di alberghi tradizionali dove le stanze sono costruite con i materiali classici giapponesi, ovvero legno, carta e tatami. Le stanze sono generalmente molto spaziose e potrete dormire con tutta la famiglia nei morbidissimi e comodi futon, che vengono stesi dal personale a orari specifici sul tatami, un’esperienza unica che dovreste provare almeno una volta nel paese del Sol Levante.

Uno dei vantaggi di un ryokan è che spesso sono dotati di onsen privati, ovvero terme naturali che, prenotate, permettono di trasformare il momento del bagno in un evento rilassante per gli adulti e nuovo e divertente per i più piccoli. Nel ryokan vi verranno anche consegnati abiti tradizionali giapponesi, lo yukata, che potrete indossare in tutta la struttura.

 

Luoghi da visitare

I bambini ameranno sicuramente i due grandi parchi a tema Disney che potete trovare a Tokyo, ovvero Tokyo Disneyland e Tokyo DisneySea, con attrazioni che vi terranno impegnati per tutta la giornata. Se preferite qualcosa di più autentico, però, non dimenticate che il Giappone è una miniera d’oro per quanto concerne santuari shintoisti e templi buddhisti, ne potrete trovare in gran quantità anche all’interno delle stesse città, senza dovervi allontanare troppo dai grandi centri abitati. Uno dei luoghi più interessanti, per bambini e adulti, è proprio Asakusa, uno dei quartieri di Tokyo dove potrete avere un assaggio di tradizione, passando sotto l’imponente Kaminarimon, il cancello del tuono, e avanzando lungo numerose bancarelle e negozietti prima di raggiungere il tempio Sensoji.

 

Nara e i cervi

cervo

Nella cittadina di Nara, ricca di templi poiché anticamente capitale del paese, non è possibile respirare solo l’ambiente tradizionale nipponico ma anche i più piccoli possono divertirsi poiché in tutta l’area circolano liberamente i cervi giapponesi. Questi, ormai abituatisi ai turisti, si avvicinano senza timore e si lasciano anche sfamare con biscotti appositamente venduti in loco. Non c’è nulla da temere poiché non si tratta di animali aggressivi anche se potrebbero rivelarsi insistenti e seguirvi fino a quando non darete loro qualcosa da mangiare.

 

Dove mangiare

La cucina giapponese può non essere per tutti e anche se gli adulti generalmente apprezzano sushi e ciotole di ramen, i bambini potrebbero trovarle poco in linea con i propri gusti.

Fortunatamente potrete trovare fast food in stile occidentale che i più piccoli riconosceranno immediatamente, ma anche panetterie e pasticcerie che preparano delicatezze occidentali. Se vi sentite persi, consigliamo anche una sosta presso gli innumerevoli konbini, i convenience store aperti 24 ore su 24, che vendono snack, pasti pronti, sandwich, bottiglie d’acqua e di tè e molto altro.

 

La lingua

Potrebbe inizialmente rappresentare un problema, soprattutto in luoghi lontani dalla capitale o le città più famose, tuttavia spesso i locali riescono a masticare un po’ di inglese, con il quale non incontrerete difficoltà insormontabili. Se invece preferite effettuare escursioni e gite in italiano in luoghi prestabiliti e consolidati, potete affidarvi a servizi online prenotando anzitempo, in modo da godervi al 100% il viaggio.

Un itinerario che preveda luoghi diversi da visitare vede città come Tokyo e Kyoto, ma suggeriamo anche la più calma Hakone e, qualora abbiate altri giorni a disposizione, un giro didattico a Hiroshima o anche nelle isole Ryukyu, dove praticare snorkeling con maschere subacquee e torce come quelle proposte su https://hobbyquotidiano.com.

 

Author: viaggiapiccoli

Cristina e Francesco viviamo a Napoli, ma la nostra casa è il mondo...un mondo che scopriamo con i nostri "piccoli", i gemelli Enrico e Giulia. Siamo i coordinartori della grande famiglia di Viaggiapiccoli  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.