fbpx
Cerca

Sri Lanka con i bambini piccoli ad agosto: si può!

famiglia di spalle guarda Pidurangala Rock

 

Sri Lanka con i bambini ad agosto più Maldive: è un mix senza eguali che si presta ad essere pianificato in autonomia e, se organizzato per tempo, può diventare anche economico. La stagione estiva forse non è delle più consigliate, ma come diceva mia nonna “non ci sono più le stagioni di una volta” e infatti non c’è stato un solo giorno di pioggia.

Il nostro tour in Sri Lanka con i bambini

Siamo atterrati da Milano Malpensa all’aeroporto Internazionale Bandaranaike di Colombo e da lì è iniziato il nostro tour fai-da-te che ha toccato queste città:

Negombo

mercato di Negombo
Mercato del pesce

Cittadina di pescatori sulla costa occidentale dello Sri Lanka, a soli 10 minuti dal caos della capitale. Lo consigliamo per un po’ di relax post-viaggio intercontinentale e una breve visita al Negombo Fish Market, il mercato del pesce lungo la spiaggia. Vale la pena passarci, ma la durata della visita sarà breve dato l’odore “intenso” provocato dalle tonnellate di pesce messe a essiccare al sole.

Pinnawala Elephant Orphanage

Orfanotrofio per elefanti nel tratto tra Colombo e Sigiriya. Ammettiamo sia una tappa molto turistica, ma a mia figlia è piaciuta tanto. Sei vicinissimo agli elefanti (tutti mansueti) e a pagamento è possibile dar loro da mangiare (anche ai più piccoli con enormi biberon!). Da non perdersi il bagno nel fiume.

Il sito archeologico di Sigiriya

Arrivata in questo sito archeologico dello Sri Lanka centrale, consigliamo assolutamente la scalata alla PIDURANGALA ROCK. Mi raccomando abbigliamento e scarpe comode, perché il sentiero è mooolto wild e la salita non leggerissima soprattutto nell’ultimo tratto in cui bisogna arrampicarsi un po’.

È fattibile anche con i bimbi piccoli (no passeggini o neonati in fascia!), ma calcolate circa 40 minuti di salita. La vista in cima è davvero spettacolare e merita gli sforzi anche dei meno allenati. Avrete degli scatti indimenticabili, ve lo garantisco. Durante la salita si incontrano anche diverse scimmie che faranno compagnia ai più piccoli.

Subito dopo la scalata, potete immergervi in un ‘Jeep safari’ al MINNERIYA NATIONAL PARK e ammirerete oltre 100 elefanti in libertà nel loro habitat naturale. Il giro dura circa 3 ore e se riuscite a prenotarlo per il tramonto non ve ne pentirete. Oltre agli elefanti, incontrerete pavoni, bufali, uccelli e qualche gallo selvatico.

Kandy

Abbiamo adorato la cittadina di Kandy. Merita una visita sia il ‘Tempio del Dente’, così chiamato perché contiene la reliquia del dente del Buddha. È sempre pieno di persone locali e fedeli buddisti vestiti di bianco che donano bellissimi fiori di loto, che insieme alle candele, danno un’atmosfera mistica a tutto l’ambiente. Essendo un luogo di culto, è obbligatorio togliere le scarpe e coprirsi.

Per rilassarsi un po’, a fianco del Sacro Tempio della Reliquia del dente consigliamo una bella passeggiata lungo la riva del LAGO DI KANDY, con i grassi varani che dormono sui tronchi al sole.  Vicino al lago troverete anche un piccolo kids playground.

Nuwara Eliya

Infine, ultima nostra tappa è stata Nuwara Eliya, conosciuta come la “Piccola Inghilterra” per le sue coltivazioni di tè e per il clima fresco ed umido. Qui le temperature scendono di molti gradi (siamo arrivati a 16 gradi con tanto di camino acceso per cena e stufetta per dormire!).

Noi abbiamo visitato la Fabbrica del Tè “Glenloch”, una delle più antiche che produce e vende una qualità di tè pregiata e di alta qualità. Vi verranno mostrate tutte le fasi della lavorazione (come la zona di essiccazione e quella di magazzinaggio) e gli strumenti utilizzati. La guida parla diverse lingue e l’entrata è gratuita con degustazione finale dei tè visti durante il percorso.

Sri Lanka con i bambini Ramboda Falls,

 

Poco distante ci sono le RAMBODA FALLS, inserite in un contesto naturale meraviglioso. Potete accedervi dall’Hotel Ramboda, dove potrete fermarvi per un buon pranzo.

 

Perchè scegliere lo Sri Lanka con i bambini

Fuso orario di sole 4,30 ore rispetto all’Italia;

– Mai percepito rischi in termini di sicurezza: la popolazione è gentile e sempre disponibile!

Costi della vita davvero bassi: si mangia in ristoranti turistici di buona qualità con 10€ a testa e si dorme in alloggi di media categoria con 25-30€/notte. Noi abbiamo prenotato tutti gli alloggi tramite Booking (scegliete le strutture con più recensioni se è la prima volta che fate on the road) e le famiglie che ci hanno ospitato sono state tutte accoglienti, abituate ad avere turisti durante l’anno. Le stanze sempre pulite e spaziose.

– Il noleggio auto con conducente è la soluzione più comoda e sicura, soprattutto se si viaggia con dei bambini. Avevo letto prima di partire che coi mezzi pubblici si gira bene, e sono di sicuro molto economici, ma per sentirci liberi di girare con i tempi che si preferiscono, abbiamo poi optato per un driver. Il nostro parlava solo inglese ed è stato un compagno di viaggio davvero unico.

Non consiglio di noleggiare una macchina senza conducente perché le strade sono un vero caos, con pochissime indicazioni stradali e guidatori folli che si avvisano gli uni con gli altri di sorpassi solo con un colpo di “clacson” … per non parlare degli autobus pubblici che sorpassano a velocità folle in curva! Le distanze sono anche lunghe, quindi si possono sfruttare quelle ore di viaggio per riposarsi. Vi avviso che non ci sono baby seats, quindi se ne avete bisogno chiedetelo con largo anticipo o portatelo dall’Italia.

Sri Lanka, cosa mettere in valigia

Da mettere assolutamente in valigia prima della partenza: spray o braccialettini antizanzare, sono d’obbligo la sera all’aperto (nelle nostre camere abbiamo trovato sempre le zanzariere).

Sri Lanka con i bambini: i contro

Unica punta dolente… in Sri Lanka il cibo è tutto piccante, anche quando ordinerete al ristorante specificando al cameriere “Please, NO SPICY”!!! Mia figlia ha mangiato pollo fritto e pasta in bianco per una settimana… consiglio di portare un po’ d’olio, perché il riso bianco c’è sempre, ma l’olio scarseggia.

 

 

gattp lascia imponte di pittura

Post scritto da Simona, mamma di Carlotta. Ama i viaggi da sempre e questa passione l’ha conservata e “protetta” anche dopo l’arrivo di Carlotta 6 anni fa. Su instagram gestisce la pagina “30_minuti_con_te“, dove ogni giorno (se riesce) parla del tempo che si ritaglio con la sua bimba proponendo attività semplici e veloci.

Author: viaggiapiccoli

Cristina e Francesco viaiamo a Napoli, ma la nostra casa è il mondo...un mondo che scopriamo con i nostri "piccoli", i gemelli Enrico e Giulia. Siamo i coodinartori della grande famiglia di Viaggiapiccoli  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

X