fbpx

Grado, l’isola del sole in Friuli Venezia Giulia

grado Friuli venezia Giulia famiglia in bici

Avete già pensato al dopo pandemia, quando le restrizioni saranno tolte e si potrà nuovamente viaggiare nella nostra splendida Italia? Noi sì ed oggi voglio portarvi con me su un piccolo lembo di sabbia, nel lontano Friuli Venezia Giulia, al confine con la Slovenia, Grado.

Grado, l’isole del sole in Friuli Venezia Giulia

Grado è soprannominata anche l’Isola del Sole perché spesso quando nelle zone limitrofe piove noi andiamo al mare. Siamo una comunità di 8,000 anime (d’estate arriviamo a 50 mila) collegate alla terra ferma da due ponti. Uno in particolare taglia in due la splendida laguna ed offre uno spettacolo unico ai turisti che vengono da noi per usufruire del centro termale o semplicemente per rilassarsi.

Grado: spiagge sicure dove giocare con i bambini

Dopo l’emergenza verranno riviste tutte le distanze sociali e qui a Grado potrete trovare la vostra dimensione. Chilometri di litorale sabbioso e basso dove i bambini giocano in tutta sicurezza.

spiaggia di grado con giochi e bambino

Ci sono tratti di spiaggia liberi, altri con stabilimenti dove noleggiare ombrelloni e sdraio altri ancora attrezzati per ospitare anche i nostri amici animali. Troverete parchi giochi ovunque adatti a qualsiasi età. Proprio davanti alle terme marine si trova il nostro preferito: il parco delle rose, dotato di decine di giochi e percorso ginnico.

Oltre alla spiaggia Grado offre delle esperienze uniche.

Il porto di Grado

Il porto è ubicato proprio in centro e si possono ammirare le barche dei pescatori che rientrano dalla laguna e si compra il pescato del giorno direttamente dalla cooperativa pescatori.

porto di grado pescherecci

La prima domenica di luglio si svolge la processione della Madonna di Barbana ed è suggestivo vedere i pescherecci addobbati a festa con fiori e stemmi per rendere omaggio a Maria. Vi prendono parte tutte le associazioni dell’isola e la popolazione addobba le case con raffigurazioni della Santa e con le ortensie, i fiori dedicati a lei.

La motonave Cristina e la visita ai casoni

Dal porto potete imbarcarvi sulla motonave Cristina per un tour della laguna tra isolotti e casoni, compreso quello di Witige Gaddi dove non arriva l’energia elettrica e non c’è nessuna tecnologia eppure ricercato dalle celebrità per ritrovare se stesse.

Tra i tanti vi hanno soggiornato Bo Derek, Ranieri di Monaco, Bruno Vespa e Vasco Rossi. Lo riconoscerete perché vedrete sventolare la bandiera dell’impero austroungarico che ha dato tanto lustro a Grado. Dall’impero arrivavano i nobili austriaci per fare le terme curative e usufruire delle splendide spiagge. In giro per la città ci sono delle vecchie foto che raccontano come era Grado, in quel esatto punto, durante l’impero austroungarico. La motonave Cristina si fermerà a Porto Buso dove si trova il ristorante Ai Ciodi e potrete mangiare piatti tipici della zona o approfittate per fare un pic-nic immersi nella natura.

Il centro storico di Grado

Il centro storico è il fiore all’occhiello di Grado. Nel 568 il patriarca di Aquileia si trasferì sull’isola e fece costruire lo splendido Duomo e il Battistero dove sono stati appena restaurati l’altare e l’acquasantiera. Al loro interno potrete ammirare mosaici di una bellezza unica e visitare il Lapidario con reperti romani e paleocristiani. All’interno della Basilica si trovano anche le reliquie dei santi patroni della città Ermacora e Fortunato.

Usciti dalla Basilica perdetevi a camminare tra le piccole calli del centro storico con le case perfettamente restaurate, ci sono diversi ristoranti e bar per un romantico aperitivo al calare della sera. In Piazza Biagio Marin invece potrete ammirare le rovine di una vecchia Basilica a cielo aperto.

Dal centro storico raggiungete la Diga Nazario Sauro e lo sguardo si perderà sul Golfo di Trieste fino alle coste Croate. Verso la fine della diga c’è una bellissima biblioteca con terrazza vista mare aperta anche ai turisti.

Riserva naturale regionale della Valle Cavanata

Potete raggiungere la Riserva natura della Valle Cavanata le in bicicletta pedalando sempre su pista ciclabile, sono 12km dal centro di Grado, o raggiungerla in auto. All’interno del centro visite c’è un percorso interattivo con video sulle caratteristiche ambientali della zona.

Noleggiate i binocoli e fate il giro dell’anello fermandovi ai diversi punti di osservazione della laguna, divertitevi ad osservare uccelli rarissimi.

Se siete arrivati in automobile, potete noleggiare gratuitamente le biciclette al centro visite e percorrere le strade di campagna che costeggiano la laguna. Troverete asinelli, galline, pavoni…e un ottimo gelato presso l’azienda agricola. Raggiungete l’argine e fermatevi ad ammirare il panorama lasciando correre lo sguardo su tre Nazioni: Italia, Slovenia, Croazia.

Con il cuore ho cercato di farvi capire perché amo tanto la mia Terra e spero di vedervi per un aperitivo in riva al mare al calare della sera.

 

bambini in bici

 

 

 

Cristina e tutta la bellissima famiglia in bici sono nati e vivono a Grado

 

 

Per i nostri viaggi del cuore puoi leggere Ravenna e Gorgonzola e la sagra del formaggio

 

 

 

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.