Traghetto postale dei fiordi, la guida per un viaggio sull’Hurtigruten

Hurtigruten traghetto posstale viaggiapiccoli-5

Un viaggio sull’Hurtigruten, il postale dei fiordi, era il nostro sogno. Lo definiscono il viaggio in mare più bello del mondo. E lo è. Attraversare i fiordi al ritmo lento del traghetto e puntare fino all’estremo Nord è ancora oggi un’avventura indimenticabile. Ma, il traghetto postale dei fiordi è tanto magico quanto caro. Come prenotare il traghetto postale? Quanto costa? Come risparmiare? Quali fermate fare con l’Hurtigruten? Per programmare il nostro viaggio ci abbiamo impiegato due mesi. Proviamo a condividere con voi le nostre strategie, con una piccola guida per un viaggio Hurtigruten il postale dei fiordi con i bambini.

In questo articolo sull’ Hurtigruten il postale dei fiordi

1.La storia e il fascino dellHurtigruten
2.
Che tratta fa il traghetto postale dei fiordi
3. Quali fermate fare con l’Huritgruten
4. Come prenotare il traghetto postale dei fiordi norvegesi
5. Quanti giorni stare sull’Hurtigruten
6. L’Hurtigruten con i bambini
7.Mangiare sull’Hurtigreuten
8.Posso portare l’auto o il camper sul traghetto postale?
9. C’è connessione Internet sull’Hurtiguten
10. Come scegliere le cabine sul traghetto dei fiordi
11. Come vestirsi sul traghetto postale
12. Il viaggio sul traghetto postale dei fiorsi è il più bello del mondo?

La storia e il fascino dellHurtigruten

Partire con Hurtigruten significa viaggiare su una rotta leggendaria. Gran parte della Norvegia settentrionale non aveva strade o ferrovie adeguate fino a dopo la Seconda guerra mondiale, quindi i piccoli villaggi di pescatori spesso vivevano isolati. Questo fino al 1893 quando la DS Vesteraalen, la prima nave a vapore Hurtigruten, il 2 luglio fece il suo viaggio da Trondheim a Hammerfest, facendo scalo in 11 porti lungo il tragitto. La nave poi si spinse verso Sud, toccando Bergen e veso Nord arrivando a Kirkenes.

hurtigruten Geirangefjord

Ancora oggi l’Hurtigruten continua a unire il Nord al Sud della Norvegia, portando posta, merci e persone. Noi abbiamo incontrato una nonna che era andata a trovare i nipotini a Oslo e a fare una visita medica e sul nostro traghetto. Ha insegnato a Giulia a lavorare a maglia e alla fine le ha regalato il cappellino che hanno fatto insieme. Un viaggio su una nave vintage (non troverai casinò e discoteche), in cui passi il tempo a scrutare l’orizzonte, attraversando i fiordi più belli della Norvegia, a sorseggiare  caffè caldo  e a parlare con le persone. Conversazioni tra sconosciuti, che hanno tempo e sono circondati, come te, dalla bellezza. È un viaggio con tutto il fascino della lentezza.

Che tratta fa il traghetto postale dei fiordi

Il traghetto postale tutt’oggi è usato dai norvegesi come traghetto per trasportare posta, merci e persone oltre che turisti e fa tantissime tappe tecniche di un quarto d’ora- 20 minuti. Poi ci sono le soste per i turisti:

  • Bergen ( porto di partenza)
  • Geirangefjord (non si scende a terra, ma si attraversa il fiordo con la nave)
  • Alesund
  • Trondhneim
  • Circolo polare artico (non si scende a terra e il passaggio è sempre al mattino presto)
  • Bodo
  • Stamsund
  • Tromso
  • Honningsvag
  • Kjollefiord-Mehamn
  • Kirkenes (porto di Arrivo)

Il viaggio completo dura 11 giorni, andata e ritorno 22: il cosiddetto “Round tour”, il giro circolare che va da Bergen a Kirkenes e di nuovo a Bergen.  Ma pui salire e scendere dal traghetto, o fare crociere più brevi. Inoltre ci sono diverse navi, con diversi servizi. Noi per una questione di date abbiamo scelto la Nordlys, moderna con sauna e mini palestra.

Quali fermate fare con l’Huritgruten

Noi siamo saliti a Bergen e siamo scesi a Stamsund, sulle isole Lofoten. E siamo scesi alle fermate intermedie di Alesund, Trondhneim  e Bodo (clicca sul link e leggi le escursioni nei dettagli).

Noi siamo scesi da soli, ma volendo ci sono anche le escursioni organizzate, bellissime, come quella a Bodo, ma anche molto molto costose)

La nostra idea iniziale era di fare le ultime tappe e arrivare fino a Kirkenes, perché l’estremo Nord ha un grande fascino. Poi, però abbiamo scoperto che partendo da Bergen avremmo visto il Geirangefjord, uno dei più belli della Norvegia e che si può ammirare solo via mare. E siamo scesi a Stamsund perché volevamo dedicare due giorni pieni alle Lofoten. Altra opzione può essere arrivare fino a Tromso, la città più grande oltre il circolo polare artico.

Si può anche scendere a una tappa, dormire e poi prendere un’altra nave, con una nuova prenotazione.

Se poi ti piace la vita da crociera, al di là delle escursioni, sulle diverse navi ci sono sauna, vasca idromassaggio all’aspetto, giochi di società a disposizione dei passeggeri. Noi abbiamo fatto due puzzle, uno da 500 pezzi e uno da mille. Anche se il mio passatempo preferito era  accoccolarmi sulle poltrone vista mare con computer o libro e caffè e guardare il mare. Abbiamo anche chiacchierato molto con gli altri passeggeri. In questi viaggi si incontrano persone con storie da raccontare.

Abbiamo conosciuto la nipote di Pietro Nenni che ora vive a Francoforte, una simpatica famiglia italiana con la piccola Bea, un gruppo di medici che veniva dal Sud Africa e dall’Australia, un viaggiatore norvegese solitario che per qualche anno aveva lavorato in Sicilia, la nonna 8 con il marito) che era andata a Trovare la figli a e i nipotini a Oslo e ha regalato il cappello a Giulia, un ragazzo che camminava a piedi scalzi e aveva le suole dei piedi scure come cuioi.

Come prenotare il traghetto postale dei fiordi norvegesi

postale dei fiordi

La cosa più difficile è fare la giusta prenotazione per il postale dei fiordi. Ecco le nostre considerazioni e i consigli per risparmiare

1). C’è un sito in Italiano, ma non prenotare da qui, perché ti offre solo pacchetti ( costosi) e no nti permette di personalizzare il viaggio.

2) Vai sul sito norvegese Hurtigrutem.no e con google traduci le pagine e prenota da qui, dove puoi personalizzare il viaggio scegliendo la stazione di partenza e arrivo, se fare mezza pensione, pensione completa e quale cabina prendere.

3) Altro consiglio, prenota il prima possibile, anche un anno prima. Ci sono offerte con sconti del 30 per cento per chi prenota entro il 31 marzo dell’anno precedente al viaggio; certo programmare con tanto anticipo non è facile, ma il risparmio è sostanzioso. In ogni caso almeno sei mesi prima. Perché? Per due motivi: le cabine più belle sono le prime a essere prenotate e anche i prezzi sono più bassi, poi aumentano. Potresti anche giocare il tutto per tutto e prenotare lastminute per avere un bello sconto, ma sicuramente avrai le cabine più brutte.

4) Quale cabina scegliere? Dipende se soffrite di claustrofobia o no. Noi abbiamo preso una cabina con oblò  (ma era buia) e una con finestra (entrambe vista mare), non abbiamo trovato una quadrupla, quindi abbiamo preso due doppie. Le cabine sono molto confortevoli, con bagno, doccia e spazio adeguati.

Quanti giorni stare sull’Hurtigruten

Ovviamente si può fare l’intera crociera, ma è costosissima. Il nostro consiglio è di rimanere sull’Hurtigruten almeno tre notti per vivere appieno l’emozione della crociera, i tempi lenti della nave, le passeggiate sul ponte cercando fattorie e moli lungo la costa, entrando nei fiordi.

Ogni giorno sul ponte sette c’è una piccola cerimonia, in cui assaggiare prodotti tipici e brindare insieme: noi abbiamo assaggiato prosciutto di agnello essiccato e cozze, condite con timo, aglio, peperoncino e zenzero.

Il passaggio del circolo polare artico, poi, è un momento mitico. In genere avviene la mattina molto presto, quindi se hai una cabina con finestra puoi scorgere le boe in mare, però in mattinata c’è la cerimonia del passaggio: state attenti non mettetevi in prima fila, perché la cerimonia consiste in un brindisi e in un mestolo di acqua ghiacciata in testa (ahhhh!).

Un viaggio sul postale dei fiordi con i bambini

traghetto postale fiordi con i bambini

Prima informazione utile: i bambini fino a tre anni non pagano.  E si può chiedere una culla

Poi, perché fare un viaggio sul traghetto postale dei fiordi con i bambini? Prima di tutto ai bambini la nave piace, perché possono muoversi liberamente, i ritmi non sono mai frenetici e c’è la colazione a buffet ( quest’ ultimo per i nostri figli è un aspetto molto importante).

Ms Finarker è la nave più adatta alle famiglie, perché ha una sala giochi per i più piccini e lo Young explorers Programme, un intrattenimento – in lingua inglees- per stimolare lo spirito di avventura.

Anche sulla nostra nave, la Nordlys, per i bambini più grandi ogni giorno c’era un momento in cui spiegavano come nascono i fiordi, la storia dei vichinghi, animali e piante della Norvegia. Enrico e Giulia le hanno trovate interessantissime e molto semplici (ovviamente sono in inglese).

Se hai bambini piccoli porta pannolini e salviette da casa.

E porata anche dell’acqua.

Mangiare sull’Hurtigreuten

Al momento della prenotazione noi abbiamo scelto la mezza pensione: colazione a buffer e cena con tre portate. Calcolati i costi dei pasti in Norvegia o anche solo la spesa al supermercato è la scelta più conveniente. Anche perché sul postale si mangia benissimo.

La colazione

La colazione è abbondantissima e puoi scegliere tra dolce e salato. Una mattina hanno fatto i pancake caldi. Diciamo che con una colazione a base di salsicce, uova e bacon arrivavamo a cena senza crampi della fame. C’è anche un angolo separati con pane e tostapane dedicato ai celiaci.

Per la cena si hanno tre possibilità tra un piatto di pesce, uno di carne e uno vegetariano e si prende antipasto, secondo e dolce. Tra gli antipasti carpacci e zuppe, come secondo agnello, pollo o salmone e come dolce tra le scelte c’è sempre il gelato.

Mezza pensione

Colazione: super abbondante

Cena: tre portate. Prezzo alto ma in linea con il prezzo norvegesi. Bevande escluse. Tranne l’acqua del rubinetto ( buona)

Qualità ottima.

Servizio veloce

Il ristorante all’imbarco Begen ha fatto una cena a buffet di straordinaria ricchezza ( consigliatissimi il salmone e il baccalà). Gli altri giorni ci sono dei turni, che si scelgono al momento dell’imbarco, tra le 18 alle 21. I turni ci sono solo perché il cuoco cucina tutto al momento, ma non ti mettono fretta per mangiare. Sull’Hurtigruten nessuno ha fretta.

Poi c’è un bistrot aspetto dalle 13 alle 21, dove si può ordinare alla carta (c’è anche la pizza), ma è molto più caro.

Caro anche il vino. Si può fare un abbonamento, il costo è in proporzione al vino scelto. Ma diciamo che abbiamo visto a 60 euro bottiglie che al supermercato costano 15 euro.  Più abbordabile la birra (i prezzi sono sempre norvegesi): 18 euro una pinta (0,5 litri).

Tutto carissimo anche al bar. Noi abbiamo preso solo i waffle, a 4,50 euro e fatti sul momento.

Posso portare l’auto o il camper sul traghetto postale?

Ovviamente il nostro sogno era arrivare fino a capo Nord in camper, ma per questa volta abbiamo scartato l’idea perché sull’Hurtigruten non imbarcano camper e van.

Per quanto riguarda l’auto, un consiglio, prenotate davvero in anticipo ( almeno sei mesi) perché non imbarcano tantissime auto e i poti finiscono velocemente. Noi abbiamo pagato circa 800 euro per una crociera di tre notti.

C’è la connessione internet

Quando sali a bordo ti danno una tessera magnetica, con nomee cognome. Abbiamo capito che quella è la tessera del potere. Non solo perché apre la stanza e ti dà  accesso al ristorante, ma anche perché se hai la tessera all inclusive hai diritto a tutto, caffè gratis dal bistro e connessione internet.

Altrimenti devio pagare tutto.

Per il caffè, io ho risolto, invece di prenderlo a pagamento ad bistro del ponte sette, me lo portavo dalla bistro al quarto piano ( aperto fino alle 18) al settimo dove ci sono le poltrone vista mare.

Per internet si può scegliere la connessione per un giorno ( 6 euro) o tre giorni ( 15 euro), con ogni connessione si possono collegare fino a cinque dispositivi, ma solo due contemporaneamente.

Come scegliere la cabina sul traghetto postale dei fiordi

traghetto postale fiordi

Ultima riflessione: come scegliere le cabine sull’Hurtigruten. Non è una scelta indifferente. Parte del viaggio in nave lo fai anche in cabina.

Ripetiamo ancora. Prenota per tempo. Noi abbiamo prenotato sei mesi prima e già non c’erano più quadruple, quindi abbiamo preso due doppie ( spendendo di più).

Ci sono vari tipi di cabine

  • Cabina cieca, interna
  • Cabina vista mare con oblo
  • Cabina vista mare con finestra
  • Cabina superiore
  • Suites

Noi abbiamo scelto una cabina con oblo e una con finestra al ponte tre. Oltre la luce, quella con finestra era più spaziosa, luminosa e confortevole. La cabina ha un armadio a muro, specchio, tavolinetto retraibile, bagno e doccia, un divano letto ed un letto reclinabile “a muro”. Le prese per la corrente sono come quelle nostre ed in cabina ce ne sono 3.

La navigazione è tranquillissima, da Bergen a Honnisvag (Capo Nord) si naviga praticamente sempre sotto costa. Sulla nave ci hanno detto che solo nell’ultimo tratto  verso Kirkenes si  balla perché si è nell’oceano aperto.

Come vestirsi sul traghetto postale

La solita regola della nonna di vestirsi a cipolla vale sempre. All’interno della nave noi abbiamo indossato pantaloni lunghi e maglietta a maniche lunghe.

Sul ponte serve piumino leggero e cappello (noi siamo andati a fine agosto).

Per le escursioni invece portate sempre un antipioggia, perché è molto probabile trovare cattivo tempo.

Se arrivate a Tromso e oltre, portate anche guanti, maglietta e calzamaglia termiche e scarpe da trekking o dopo sci leggeri.

Il traghetto postale dei fiordi non è una crociera elegante, quindi niente cene con il capitano o serate glamour, non servono abiti lunghe o giacche. Anzi troverete passeggeri vestiti nei modi più curiosi possibili.

Sulla nave ci sono pochissimi italiani, molti tedeschi e americani, quasi tutti over 60 e viaggiatori solitari.

Il viaggio sul traghetto postale dei fiordi è il più bello del mondo?

Il viaggio sul traghetto postale dei fiordi è il più bello del mondo? Bella domanda. Dipende da quello che ti aspetti. Per noi è stato un viaggio mitico, con lo sguardo puntato sempre all’orizzonte.

Sulla nave puoi fare la jacuzzi, la sauna, un puzzle, leggere… ma anche semplicemente camminare sui ponti. L’atmosfera è vintage e malinconicamente romantica.  Ti senti sospeso nel tempo, in una dimensione ovattata e lenta. Le luci sono gialle e calde, i pavimenti ricoperti di moquette.  E allora quello che conta, non sono i divertimenti a bordo, ma la sensazione, ancora oggi, di arrivare in terre lontane, selvagge, sconosciute. E arrivarci con lentezza.  Forse la stessa sensazione l’abbiamo provata solo sul Passenger in Canada.

È caro? Sì, indubbiamente per tre giorni (imbarcando anche l’auto) abbiamo speso quanto costa una casa a Ischia per un mese a luglio, ma con calma abbiamo messo da parte i soldi per questo viaggio, anno dopo anno (le ultime due estati di stop con il Covid, hanno contribuito). È un investimento. E crediamo sia stato magico farlo proprio con i bambini, arrivare con loro alle isole Lofoten via mare e perderci nella bellezza della Norvegia più selvaggia non ha prezzo . Per noi è stato un viaggio mitico.

Author: viaggiapiccoli

Cristina e Francesco viviamo a Napoli, ma la nostra casa è il mondo...un mondo che scopriamo con i nostri "piccoli", i gemelli Enrico e Giulia. Siamo i coordinartori della grande famiglia di Viaggiapiccoli  

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.