fbpx


Il parco avventura più grande del Sud Italia

In un’arrampicata, come nella vita aggiungerei io, hai sempre due moschettoni. La regola è non staccarli mai insieme. Uno deve essere sempre fissato alla corda di sicurezza (il tuo presente), l’altro si stacca per andare avanti (il tuo futuro). Non bisogna avere fretta. Ci vuole coraggio e tecnica. Per andare avanti devi sempre partire da ciò che sei ora. Se hai fiducia in te stesso potrai sfidare i tuoi limiti e sarà ADRENALINA. Benvenuti all’Ischia Adventure Park , il parco avventura più grande del Sud Italia.

I giochi all’aperto

Dopo la notte passata nella tenda sospesa e la colazione con il panariello, la nostra giornata a Ischia nella natura è iniziata alla grande. All’ingresso del parco ci sono dei giochi (scivoli, altalene, tubi) gratuiti. La pineta di Fiaiano è comunale, vediamo una ragazza portare il cane a passeggio e un signore correre. Enrico e Giulia salutano tutti e ricevono in cambio sorrisi, poi corrono a scatenarsi: giocano saltando da uno scivolo a un’altalena.

Carmen è l’istruttrice per i bambini

I percorsi avventura

Enrico Di Costanzo, che gestisce il Parco Avventura, chiama Enrico-piccolo: “Mi aiuti?”. Il mio Enrico felice salta giù dall’altalena e lo raggiunge. I due Enrico prendono una scala di ferro e insieme srotolano scalette di legno e fissano corde. Il parco avventura è pronto per i piccoli visitatori di Viaggiapiccioli. Abbiamo l’occasione di provare i percorsi prima dell’apertura del parco.

 

L’attività del Parco Avventura consiste nell’affrontare giochi sospesi tra gli alberi, camminando tra passerelle, ponti tibetani e tunnel tirolesi mozzafiato, il tutto nella massima sicurezza e con l’assistenza del personale qualificato.

Dell’area bambini in genere si occupa Carmen, la sorella di Enrico; entrambi hanno brevetto da istruttori ed Enrico anche da soccorritore.

In sicurezza

Enrico e Giulia indossano l’attrezzatura di sicurezza (imbrago, longes, carrucola, casco) e ascoltano la spiegazione sulle tecniche per affrontare i diversi percorsi. Enrico-grande controlla tutta l’attrezzatura e ripete più volte ai bambini: “Se non vi sentite sicuri fermatevi. Sarete sempre legati e non ci sarà mai pericolo. La prima regola qui è fare tutto in la sicurezza”

Enrico-grande controlla l’attrezzatura di Giulia

I percorsi

Enrico e Giulia fanno prima la pratica, poi il percorso azzurro per sciogliersi, e quindi, appena si sentono più sicuri, si avventurano lungo il giallo: entrambi i percorsi sono adatti a bimbi dai 4 ai sette anni. C’è poi l’arancione e il verde, sempre facili, blue e viola, medi, rosso difficile e per i più esperti la mega teleferica.

Si inizia

L’aria è frizzante e c’è un cielo stupendo. Enrico parte spedito, Giulia è più incerta, ma lo segue. Enrico-grande segue ogni loro passo e gli spiega come muoversi se hanno delle incertezze. È strana e bellissima la sensazione di vedere i loro piccoli volti tesi e concentrati. Possono contare solo su loro stessi, devono controllare il loro corpo, i passi, l’equilibrio. Non si possono distrarre. Che grande scuola è la natura: ad ogni passo sfidano le loro paure e i loro limiti e diventano più forti.

Il più grande parco avventura del Sud Italia

I percorsi sono lunghi, intorno a noi solo alberi e cielo (di un azzurro pazzesco). I bambini prendono sicurezza e si lanciano. Si muovono con sicurezza e ogni tanto sorridono anche. “Bambini, fatemi vedere fino dove arriva il vostro coraggio”, li incita Enrico. E quando i piccoli esitano lui li sprona: “Fatemi vedere dove arrivate! Tirate fuori la vostra forza di volontà”.

La mappa del parco

Il parco è adatto a tutti: bambini e adulti (meno esperti ed esperti). I percorsi corrono lungo un ettaro della pineta e c’è una mega teleferica di 130 metri (adrenalina pura) e lungo il percorso rosso (il più difficile) ci sono picchi di 20 metri dal suolo. Per noi è divertimento, ma può diventare un vero e proprio sport. Per i bimbi più grandicelli c’è anche una parete per l’arrampicata.

La Pineta di Fiaiano

La Pineta di Fiaiano è nel comune di Barano. Sono sei ettari, con vari percorsi naturalistici: c’è una grotta con le fumarole, diverse terrazze panoramiche, una mountain bike zone, possibilità di fare trekking, il campeggio sospeso e una zona dedicato alla meditazione e alla yoga.

 

Come si arriva

Da Ischia porto con l’autobus numero 6 (in dieci minuti) o con il taxi (tariffa fissa 17 euro).

Percorsi di gruppo

Quanto tempo vi vuole per visitare il parco

Noi siamo rimasti tutta la giornata: i bambini hanno giocato sugli scivoli, hanno fatto i percorsi e poi siamo andati in escursione per vedere le fumarole. Abbiamo anche fatto una merenda al chioschetto “Winning life” gestito da Francesco (la sera fa ottimi panini) . Enrico ci ha spiegato che il tempo giusto per visitare il parco è da minimo un’ora a un massimo di tre ore.

 

Il parco di notte

Su prenotazione e solo per gli adulti il parco avventura apre anche di notte, per gruppi di almeno dieci persone (costo 20 euro a persona), Enrico fornisce a tutti le luci frontali e si può provare il brivido della Zip line al chiaro di luna.

Fissare i moschettoni

Andare via è stato difficile

Andare via è stato difficile. Enrico e Giulia hanno salutato almeno tre volte la loro tenda-nido.

Hanno fatto una piccola scivolata, un’arrampicata, un’ultima altalena. Io e Francesco ci siamo rilassati, perché mentre i piccoli facevano il percorso avventura con gli istruttori, abbiamo potuto prendere un lungo caffè e chiacchierare del nostro prossimo viaggio in Cina. È stata una domenica perfetta: ci siamo rilassati, divertiti, abbiamo respirato aria pura e ci siamo riempiti gli occhi di bellezza. Ma, soprattutto, i piccoli hanno sfidato i loro limiti, hanno provato il brivido dell’adrenalina, in totale sicurezza. L’Adventure Park di Ischia è assolutamente divertimento sano, ma credo che sia soprattutto una grande scuola, la scuola della natura.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">html</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.