fbpx
Cerca

La cucina con Viaggiapiccoli

La cucina con Viaggiapiccoli

I dolci di Carnevale preferiti dai bambini

 

Carnevale è la festa dei colori e dei travestimenti… ma anche dei dolci: al forno o fritti ogni regione italiana ha le sue tradizioni e i suoi dolci che naturalmente i bambini amano tantissimo. Scopriamo insieme i più golosi dolci di carnevale della tradizione italiana.

I dolci di Carnevale: da Nord a Sud Italia

dolci di carnevale

Frappe, bugie, cenci, chiacchiere… voi come le chiamate? Ogni regione, a volte anche ogni città, ha un modo diverso per nominarle, ma tutti capiscono sempre di cosa si parla.

La tradizione le vuole accompagnate dal sanguinaccio, una crema marrone che storicamente era fatta proprio con sangue di maiale (oggi per fortuna vietato) ma che si può replicare con dell’ottimo cioccolato fondente e pezzetti di cedro candito!

I dolci di Carnevale mettono allegria già alla vista, con forme simpatiche, cosparsi di zucchero a velo o in granelli e con quell’inconfondibile e invitante profumo di… fritto!

Certo ci sono anche delle eccezioni “non unte” alla tradizione, come per esempio il migliaccio (torta con semolino) della Campania ma la maggior parte non sfugge a questa regola: dagli arancini delle Marche a forma di girelle, ai caragnoli del Molise, ai ravioli di castagne di Ascoli Piceno a fritole, cicerchiate e castagnole…

In tutto questo fritto noi abbiamo provato a proporvi una ricetta un po’ più light e ne abbiamo trovato una perfetta, che ci ha “regalato” Eataly Genova.

Le frittelle di mele: un dolce di carnevale da fare tutto l’anno

frittelle carnevale

Le mele sono tra i frutti più amati dai bambini e le frittelle di mele sono uno di quei dolci che sa di casa, di famiglia e che faresti e rifaresti durante tutto l’anno, non solo a Carnevale.

La ricetta delle frittelle (non fritte) di mele che abbiamo fatto con Claudia, responsabile dei corsi per bambini a Eataly Genova, è molto semplice e la possiamo preparare in pochi minuti anche insieme con i più piccoli.

Gli ingredienti delle frittelle di mele

  • 2 mele renette
  • 130g di farina
  • 20g di zucchero
  • 100ml di latte
  • 1 uovo
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • olio extravergine di oliva (poco)

frittelle di mele eataly carnevale

Dolci di Carnevale con i bambini: prepariamo le frittelle di mele

Prepariamole insieme con i bambini; i più grandicelli possono fare tutto da soli (naturalmente sotto la supervisione di un adulto), mentre i più piccoli possono fare le cose insieme con i grandi.
Per prima cosa sbucciate le mele e, se avete un levatorsoli, toglieteli.

Poi tagliate le mele a fettine spesse circa 1 cm.

A questo punto, finite tutte le operazioni con coltelli e arnesi affilati, passiamo alla pastella, che possono fare anche i bambini più piccoli.
Mischiate in una ciotola tutti gli ingredienti che vi abbiamo elencato sopra: prima la farina con zucchero e lievito, aggiungete poi uovo, latte e poco olio (un cucchiaio circa).
Mescolate bene, con una frusta, per evitare che si formino i grumi.

E poi… tuffate le fettine di mela, una alla volta, nella pastella!
Sgocciolatele bene e poi adagiatele su una teglia rivestita con carta da forno.

Mettete in forno a 170 gradi per circa 10/15 minuti e poi, una volta intiepidite bene, cospargete di zucchero a velo.
Sempre che resistiate dal mangiarle appena sfornate… noi facciamo fatica!

Se volete vedere la video ricetta con la simpatica Claudia vi lasciamo il link al canale youtube del Porto Antico di Genova dove potete trovarlo.

Dolci di Carnevale con i bambini

Se siete in cerca di altre ricette di dolci di Carnevale da fare insieme ai vostri bambini ecco delle ottime idee

Crostoli di Carnevale dal Trentino

Le piccole Mia e Clelia hanno preparato a Trento i crostoli o, come si dice in dialetto, i grostoli.
Sono rettangoli di pasta sottilissima, fritti nell’olio (che carnevale sarebbe senza dolci fritti?) e poi cosparsi di zucchero a velo.

Il segreto? La grappa nell’impasto (tranquilli, in cottura ovviamente evapora tutta la parte alcolica).
La cosa più divertente? Far usare la “nonna papera” ai bambini per tirare la pasta.

Trovate la ricetta completa proprio QUI, nel blog del Trentino.

Le castagnole di Carnevale

Direttamente dall’Emilia Romagna, regione che tra raviole e tagliatelle dolci sforna – anzi frigge – una bontà dietro l’altra, arriva la ricetta delle castagnole.

Palline dolcissime dal profumo di arancia e anice che, ovviamente, fanno fritte (e come sennò!).

Ecco la ricetta sul blog dell’Emilia Romagna.

Palline arcobaleno

Se cercate un menù facile facile, di quelli da fare anche .. in camper, trovate in questo articolo le tre idee delle esperte di camper. E dopo un antipasto e un primo cosa c’è di dolce?

Le palline arcobaleno: facili e divertenti dare, goduriose (sarà per i biscotti o la nutella nell’impasto?) e per di più coloratissime grazie alle codette di zucchero.

 

E ora che dolce scegliete di preparare per il Carnevale? Siete indecisi o avete già la vostra ricetta preferita? 

Per conoscere invece tutte le tradizioni del Carnevale, regione per regione, leggi il nostro racconto.

 

E se volete assaggiare un primo piatto buonissimo della tradizione partenopea, tipico di carnevale, dovete provare i nostri Manfredi con la ricotta ( ricetta + video)

 

La cucina di Viaggiapiccoli: i Manfredi con la ricotta

 

Un piatto tipico per Carnevale a Napoli, oltre alla lasagna,  sono i Manfredi alla ricotta: una ricetta facile e veloce,  che i bambini adorano, sia per il formato della pasta, che per il sughetto. E i Manfredi con la ricotta sono otrimi sia d’inverno che d’estate.

La storia dei Manfredi con la ricotta

I manfredi sono un tipo di pasta molto particolare, quasi delle lasagnette, e sono più noti con il nome di mafalde. A Napoli sono chiamati così in onore di Manfredi di Svevia, che ha regnato sulla Sicilia (e su Napoli) nella seconda metà del 13esimo secolo, fino alla sua uccisione nella battaglia di Benevento.

Proprio al re Manfredi, in visita a Napoli, fu offerto il piatto che qui raccontiamo e descriviamo, anche se abbiamo qualche dubbio che fosse proprio uguale uguale…

Comunque sia, è fatto con il ragù napoletano, e tanto basta per farne uno dei simboli della cucina partenopea, nella quale è consumato prevalentemente nel periodo di Carnevale, pur essendo un piatto “quattro stagioni” che si apprezza in ogni occasione.
Dunque, la prima cosa da fare è preparare il ragù, che richiede almeno sei ore di cottura. Può essere ammesso, per questo piatto, farne una versione semplificata, se preferite anche con carne di solo maiale (perché la ricetta nasce nel periodo di Carnevale, quando tradizionalmente si ammazzava il maiale).

Gli ingredienti per i Manfredi con la ricotta ( per 4 persone)

 

  • 320 gr di Mafalde
  • 320 grammi di Ricotta

 

Ingredienti per il ragù

  • 300 gr primo taglio di manzo
  • 300 gr spuntature di suino
  • 80 gr di cipolla
  • 150 gr di concentrato di pomodoro
  • 700 gr di passata di pomodoro
  • Olio extra vergine di oliva
  • Basilico

La ricetta dei Manfredi con la ricotta passo passo

Mettete a soffriggere la cipolla nell’olio, a fiamma bassa, e quando sarà imbiondita aggiungete i pezzi di carne (con un pizzico di sale) e rosolateli per qualche minuto. Aggiungete quindi il vino, alzate la fiamma, e dopo qualche altro minuto iniziare a versare il concentrato di pomodoro (e abbassate la fiamma, ora va bene media).

Procedete così: due cucchiaini di concentrato, girate bene e poi altri due cucchiaini, e così fino a quando non avrete finito.
A questo punto, versate la passata, anche questa a poco alla volta (per non far abbassare bruscamente la temperatura) e mettete il basilico. Ora non resta che abbassare la fiamma ed aspettare che il ragù sia pronto (come detto, ci vogliono di norma sei ore dall’inizio del procedimento, ma per questa ricetta possono esserne sufficienti tre o quattro), mescolando di tanto in tanto ed allungando con acqua se si restringe troppo.

Il segreto del ragù napoletano sta nella cottura prolungata a fiamma bassa, quindi quanto più è bassa la fiamma e quanto più dura la cottura, tanto meglio.

Quando il ragù è pronto, prendete una coppa e metteteci la ricotta ed un po’ di parmigiano grattugiato; versate ora il ragù, uno o due cucchiai alla volta, e stemperate la ricotta fino a quando non si sarà tutto amalgamato, ed avrete un sugo cremoso e non troppo lungo. Ecco, ora potere unire i manfredi, al dente ma non troppo (altrimenti restano troppo rigidi).

manfredi alla ricotta

Impiattate, mettete a disposizione di chi lo vuole parmigiano grattugiato e pepe.

 

Le polpette al Ragù di secondo

Nel video vedrete che abbiamo approfittato del ragù per fare anche le polpette al sugo che i bambini amano.

Ingredienti per le polpette

  • 400 gr di carne di vitello macinata
  • 80 gr di mollica di pane
  • Un goccio di latte
  • un uovo
  • 40 gr di

Le polpette le abbiamo fatte cuocere nel sugo già pronto del ragù, anche se tradizionalmente prima si friggono ( ma così sono più leggere per i bambini).

 

Buon Appettito.

 

Tre ricette per mangiare la neve

 

Le migliori idee le danno sempre i bambini. In settimana abbiamo fatto una fuga sul Lago del Matese per giocare sulla neve e mia figlia Giulia ha organizzato un picnic a base di Neve, preparato da Madre natura. Da qui mi è venuta un’idea per un articolo leggero e divertente, grazie anche ad alcuni commenti di amici sui social: tre ricette per mangiare la neve.

Mangiare la neve fa male: assorbe inquinanti

Prima di iniziare, però,  devo fare una premessa importantissima, visto che questo è un blog per famiglie: attenzione mangiare la neve fa male. La è come una spugna assorbe tutti gli agenti inquinanti e tossici presenti nell’aria e soprattutto più passa il tempo più accumula batteri. Perciò attenzione: la neve può fare male. Vietato soprattutto mangiare quella caduta in città.

Ma tenendo ben presente questo, un bicchierino di neve credo che faccia bene al cuore e all’umore. Chi di noi quando vede i fiocchi cadere non ha l’istinto di mettere fuori la lingua e assaggiarne uno

Il trucco è raccogliere i fiocchi appena caduti

Una buona strategia, per eliminare almeno l’accumulo di batteri è quella di raccogliere i fiocchi appena caduti, più pura. Li potete mangiare proprio come fanno i bambini con la lingua…o magari raccoglierli in una tazzina da te.

1. La neve con sciroppo, latte alla menta e all’amarena o zucchero

Una cosa che invece facevano i nostri nonni era quella di portare in montagna una bottiglietta di sciroppo o latte alla menta e all’amarena e condire la neve, come fosse un sorbetto naturale.

Una variante ancora più semplice è quella di portare un sacchetto con dello zucchero (bianco o di canna) , mettere la neve in un bicchierino e cospargerla di zucchero.

E non la possono assaggiare i bambini, ma alcuni alpini, correggono la neve con il rum altri con il vino cotto.

 

2. Ricette per mangiare la neve: la scirubetta calabrese

Su Instagram i nostri amici di @Strangertrips ci hanno svelato una ricetta con la neve buonissima: la scirubetta, antico gelato della tradizione calabrese: neve fresca in un bicchiere, a cui si aggiunge miele di fichi o mostro. Questo è un vero e prorprio dessert, da leccarsi i baffi

 

3.  La neve con il succo di limone o un goccio di caffè

Avete mai provato ad assagiare la neve appena caduta condita con un goccio di caffè?

Oppure è buonissima anche condita con  il succo di limone e la neve al limone, vi assicuro, piace tanto anche ai bambini.

 

 

Sono idee semplici, con Giulia ci siamo divertite ad andare a cercare le lestre di neve croccante, le chiamavamo “Gallette di ghiaccio”.

La prossima volta che andate sulla neve, cercate un posto in cui non è passato nessuno, un cumulo di neve appena caduta e organizzate anche voi il vostro picnic. Non fate scorpacciate, ma solo un assaggino… abbiamo bisogno anche noi adulti di giocare e tornare bambini e ….assaggiare una ricetta a base di neve è un ottimo inizio.

Healthy food per bambini, i biscotti di avena e mele

 

Qual è il superpotere delle mamme? Nascondere in polpette e biscotti verdure e frutta. Ci sono bambini che a tavola mangiano tutto volentieri e bambini più difficili. Ma in ogni caso per qualsiasi genitore è difficile inserire nella dieta dei più piccoli i cibi sani, gli Healthy food. Come vi abbiamo raccontato, abbiamo iscritto Enrico e Giulia al corso di cucina di Kid’s Cook It. Ogni mese ci sono ricette a tema  e questo mese si parla di cibi buoni e sani. Noi abbiamo provato la ricetta dei biscotti avena e mele. Super consigliata.

I biscotti avena e mele

 

I biscotti avena e mele sono buonissimi e molto facili da preparare, anche per i bambini più piccoli. Il tempo di preparazione è di mezz’ora.

Gli ingredienti dei biscotti avena e mele

ingredienti bisoctti avena

Per la preparazione di  15 biscotti

 

  • 2 tazze di fiocchi d’avena
  • 1 cucchiaino di estratto di vaniglia
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 1 tazza di farina OO
  • ½ tazza di burro
  • 1 cucchiaino di sale
  • ½ cucchiaino di bicarbonato di sodio
  • ¾ tazza di zucchero di canna integrale
  • ½ tazza di mela (Smith) tagliata a cubetti

Cosa ti serve per cucinare i biscotti all’avena e mele

  • bambino in cucina con grembiule Kids Cook it

 

  • Frusta elettrica
  • Una ciotola grande e una media
  • Setaccio
  • Misurini
  • Spatola in silicone
  • Carta forno
  • Tagliere e coltello piccolo ( nel kit di Kids Cook it questo mese c’erano dei colelli in plastica a misura di bambini)
  • Teglia da forno

 

Il procedimento per preparare i biscotti all’avena e mele

1-        Preriscaldare il forno a 180 gradi

2-        In una ciotola capiente versare zucchero, burro e vaniglia. Aggiungi l’uovo (butta via il guscio e lavati le mani). Sbatti fino ad avere un composto cremoso

3-        In una ciotola media setaccia insieme: farina, cannella, bicarbonato e sale. Aggiungi l’avena

4-        Lava e asciuga e taglia la mela a cubetti di circa 1 cm. Mischia insieme agli elementi secchi

5-        Unisci gli ingredienti secchi al composto umido e mescola fino a quando sono amalgamati

6-        Forma delle palline di impasto e posizionale su una teglia foderata con carta da forno, lasciando 5 cm di spazio fra loro

7-        Cuoci per 10-12 minuti ( controlla che diventino dorati)

8-        Lascia raffreddare per 5 minuti sulla teglia prima di trasferire su un piatto.

 

Lo sapevi che l’avena…

L’avena è una delle colazioni più sane perché è fonte di proteine ed è ricchissima di fibre.

I kit di Kid’s Cook it

Cosa è un club di cucina? È un appuntamento fisso ogni mese: ai bambini arriva una box con:

  • ricette,
  • giochi,
  • attività,
  • la lista della spesa,
  • stikers,
  • carte con tante informazioni utili e divertenti
  • …e tante paroline in inglese, da imparare e ripetere con giochi e cruciverba.

Ogni mese per i bambini c’è anche una sorpresa: un colorato gadget per la loro cucina.

 

Tutte le ricette sono facili, illustrate e come avete notato le misure non sono con i grammi, ma a tazze e cucchiai (molto più facili per i bambini).

 

Il club di Kids Cook It è indicato per i bambini dai 4 ai 14 anni

L’obiettivo non è solo imparare a cucinare, ma le fondatrici di kid’S Kook it, Michelle e Danielle (due mamme americane, una vive in California, mentre l’altra vive in Italia da oltre trent’anni) hanno pensato a un momento di gioco in cucina, per creare veri e propri “ricordi culinari” condivisi tra bambini e genitori.

E poi ogni mese c’è un tema guida: noi abbiamo iniziato a ottobre con il menù di Halloween, a novembre partorendo dalle ricette abbiamo scoperto la giornata nazionale dei diritti dei bambini, a Natale abbiamo esplorato ricette e tradizioni dal mondo e per gennaio il tema è “Nuticious And Delicious”, con biscotti all’avena, Meat muffin e Hummus (un’ottima idea per cucinare in maniera diversa i ceci).

Come ci si abbona a Kids Cook it

Ci si può abbonare direttamente dal sito, scegliendo tra tre tipi di abbonamento:1 kit: scegliendo questa opzione si riceve la box per un mese e il costo è di 25 €.

6 kit: riceverai a casa tua sei kit che pagherai 22€ l’uno, risparmiando rispetto alla prima alternativa.

12 kit: con l’abbonamento annuale ti arriverà un kit al mese e ognuno costerà 19€. Questa è l’opzione più conveniente e se utilizzi il nostro codice VIAGGIA5 hai diritto a uno sconto di 20€ e riceverai anche il grembiule e una shopper firmati Kids Cook it.

bambini in cucina

A Enrico e Giulia piace moltissimo l’appuntamento mensile, aspettano la nuova box, sono curiosi del tema che dovranno affrontare e stanno collezionando stikers e gadget: sono molto orgogliosi di avere strumenti di cucina tutti loro.

Grazie a questo appuntamento la cucina diventa uno stimolo per fare un’attività di famiglia. L’abbonamento al club perciò può essere anche una bella idea per un regalo da parte dei nonni o per organzizare una festa.

La cucina di Viaggiapiccoli, arista di maiale con patate al forno

 

La domenica spesso ci piace cucinare tutti insieme, apparecchiare per bene la tavola e goderci il pranzo. Una buona idea per un pranzo tranquillo, con pochi piatti da lavare e da portare pronto in tavola senza attese è l’arista di maiale con cipolle e patate.

I bambini vanno ghiottissimi per le patate soprattutto per come le cucino io (continuate a leggere e scoprirete perché) e la carne di maiale è tenera e se ben cotta molto leggera. E anche le cipolle, che spesso i bambini non amano, diventano molto dolci e saporite (male che vada i piccoli le possono scartare).

Ecco ingredienti e ricetta della nostra arista di maiale per il pranzo della domenica.

 

Ingredienti per l’arista di maiale per 6 persone

ingredienti arista di maialeEcco la lista della spesa.

  • Arista di maiale 1,5 kg
  • Patate 2,5 kg
  • Due cipolle grandi
  • Olio per frittura ed olio extravergine di oliva
  • Una bottiglia di vino rosso
  • Salsa di soia scura
  • Salsa di ostriche
  • Miele

 

La ricetta e il procedimento per cucinare l’arista di maiale con cipolle e patate

Mettete l’arista a marinare per due ore nel vino rosso (consiglio un aglianico di discreta qualità, ci vuole tutta la bottiglia) insieme ad un cucchiaio di miele, un cucchiaio di salsa di ostriche e due cucchiai di salsa di soia scura
La salsa di ostriche e la salsa di soia scura sono molto usate nella cucina orientale, e non è facile trovarle. Se non ci riuscite, sostituite con due cucchiai di salsa di soia “normale”.

 

Sbucciate le patate, tagliatele a cubetti di circa 2 o 3 cm di lato e friggetele. Quando saranno dorate, conditele con sale (ci vorrebbe anche il pepe, ma se avete bambini tra i commensali, forse dovrete rinunciare…).

In una casseruola o in un wok, versate olio extravergine di oliva e fate soffriggere le cipolle (che avrete nel frattempo affettato).

Intanto, se sono passate due ore, separate la carne dal vino, asciugatela e mettete il vino in un pentolino sul fuoco, anche un po’ alla volta, perché serve che sia caldo (e che si restringa).

Quando le cipolle saranno pronte, mettete nella casseruola anche la carne, dopo averla asciugata.

Fate quindi rosolare la carne su tutti i lati, e, una volta terminato, bagnate con un po’ del vino della marinatura (il resto lasciatelo a restringersi) e fate insaporire per un minuto.

Ora adagiate la carne in una ampia teglia, insieme alle cipolle ed al sugo, e mettete le patate nella casseruola (o nel wok), mescolate un po’ per ripulire dell’olio e delle cipolle rimaste, aiutandovi con un paio di cucchiai del vino della marinatura.

Adesso unite le patate alla carne nella teglia, versate sulla carne qualche cucchiaio del sugo che si trova già nella teglia ed un altro po’ del vino della marinatura (un po’ di vino anche sulle patate, e mescolate).

Adesso tutto in forno a 180 gradi per 50 minuti (o meno, se il pezzo di carne non è troppo grosso); ogni tanto aprite il forno e versate il vino che è rimasto sulla carne e sulle patate, per inumidire ed insaporire.

arista maiale al forno

Che vino abbinare all’arista di maiale

Io vi consiglio per gustarvi al meglio la vostra arista di maiale con cipolle e patate di  accompagnarla con un buon vino rosso corposo.

 

E se cercate l’idea per un primo veloce e leggero provate i nostri spagnetti al limone

Case di pan di zenzero: le facciamo con i bambini

 

Con l’arrivo di dicembre si entra ufficialmente nel periodo più magico dell’anno e, per l’occasione, vorrei condividere con voi una ricetta speciale: quella delle case di pan zenzero. I confetti colorati, la glassa bianca ed il profumo dei biscotti allo zenzero appena sfornati porteranno nelle vostre case la magica atmosfera del Natale.

La magia di Natale con le case di pan di zenzero

Chi di voi, guadando un film natalizio, non ha pensato, almeno una volta, di provare a realizzare una casetta di pan di zenzero? Ultimamente nei negozi si trovano dei kit per  la casa di pan di zenzero, con tutti i biscotti pronti da montare. È, però, indiscutibile che realizzare da zero una casetta di questo tipo sia molto più soddisfacente. Inoltre, vi garantisco, che l’impasto fatto in casa è molto più gustoso!

Potreste provare a costruirne una casa di pan di zenzero con i bambini, così da trascorrere un pomeriggio in casa in modo diverso, immersi nell’atmosfera del Natale. I bimbi si divertiranno sicuramente nel decorare le pareti come preferiscono e nell’assaggiare glassa e confettini colorati.

Per aiutarvi nell’impresa, ho preparato un progetto da seguire per realizzare le case di pan di zenzero da soli : dovrete solo tagliare e montare le sagome. Vi assicuro che realizzare una casetta di pan di zenzero è molto più semplice di quanto possa sembrare. Cercate solo di non avere fretta: è necessario aspettare che la glassa si solidifichi prima di passare al passaggio successivo per evitare che la casetta crolli.

bambino casetta pan di zenzero

Qualche curiosità sui dolci di pan di zenzero

Gli omini di pan di zenzero sono dei biscotti speziati che vengono preparati, nel periodo natalizio, soprattutto, nei Paesi di origine anglosassone. Con il passare del tempo, questi biscotti si sono, diffusi anche in altri paesi e sono diventati uno dei più famosi simboli del Natale.

 

Il pan di zenzero viene, generalmente, preparato sotto forma di omini, casette e soggetti natalizi, che vengono, poi, utilizzati per decorare l’albero di Natale oppure come regalo per parenti ed amici. La spezia che prevale in questo tipo di impasto è proprio lo zenzero, ma vengono usate anche cannella, noce moscata e chiodi di garofano.

 

Non si sa molto sulle origini storiche di questo dolce. Secondo una leggenda, i primi omini di pan di zenzero risalgono alla corte inglese della regina Elisabetta I. Si dice, infatti, che la monarca facesse preparare questi biscotti dalle sembianze umane per i suoi ospiti.

 

Un notevole impulso alla diffusione di questi dolci sembra, poi, che sia legato alle fiabe dei fratelli Grimm ed, in particolare, a quella di Hansel e Gretel ed alla famosa casetta di marzapane della strega. Nell’ottocento, infatti, le vetrine di fornai e panettieri iniziarono a riempirsi di casette decorate con glassa bianca, foglie d’oro, omini ed animali croccanti. La produzione di questi dolci divenne talmente importante, che soltanto una corporazione di fornai specializzati, a Natale ed a Pasqua, era autorizzata a realizzare tali creazioni.

Ricetta pan di zenzero casetta

Ingredienti

Per la casa di Marzapane

  • 125 gr di burro
  • 50 gr di zucchero grezzo di canna
  • 100 gr di zucchero
  • 150 gr di miele
  • 1 uovo
  • 420 gr di farina
  • 1 pizzico di sale
  • 2 cucchiaini di zenzero
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato

 

Per la glassa

  • 2 albumi
  • 300 gr di zucchero a velo

 

Per decorare la casetta di marzapane

  • Smarties

Schema da seguire per realizzare le case di pan di zenzero

Per aiutarvi a costruire la vostra casetta, ho riportato le misure dei biscotti che dovrete realizzare. Sarà sufficiente disegnare tutte le sagome su un foglio.

 

progetto case pan di zenzeroCome fare la casetta di pan di zenzero

Preparare i pezzi della casetta di pan di zenzero

Per realizzare la vostra casetta, iniziate a preparando l’impasto dei biscotti. Con le fruste elettriche, sbattete il burro con entrambi i tipi di zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Aggiungete, poi, l’uovo ed il miele.

Sempre continuando a lavorare l’impasto, aggiungete, a più riprese, la farina setacciata e, poi, le spezie, il sale ed un pizzico di bicarbonato.

Quando avrete ottenuto un impasto piuttosto morbido, formate una palla, avvolgetela nella pellicola trasparente e ponetela in frigorifero per almeno un’ora.

Nel frattempo preparate le sagome che vi serviranno per realizzare la vostra casetta, ritagliandole da un foglio di carta.

case pan di zenzero stampo

Estraete, quindi, l’impasto di pan di zenzero dal frigorifero e, con l’aiuto di un mattarello, stendete una sfoglia dello spessore di circa 4 mm su un ripiano infarinato. Appoggiate le sagome sull’impasto e ritagliate tutti i pezzi della vostra casetta di pan di zenzero.

Mette i biscotti sulle teglie, ricoperte di carta da forno e infornate 190 gradi per circa 15 minuti.

biscotti casa pan di zenzero

Preparare la glassa e decorare le case di pan di zenzero

Per preparare la glassa montate l’albume e, senza spegnere la frusta, aggiungete, poco per volta, lo zucchero a velo. Continuate così finché non avrete ottenuto una crema liscia e densa.

Una volta sfornati i biscotti, fateli raffreddare completamente prima di iniziare a montare la casetta. È possibile che durante la cottura perdano un po’ la loro forma. In tal caso, sistemateli con cautela utilizzando un coltello seghettato.

Iniziate , quindi, a decorate i vari pezzi della vostra casetta di pan di zenzero.

Realizzate delle finestre sui lati, disegnate delle piccole greche e decorate la porta d’ingresso. Passate, poi, al tetto, che potreste realizzare disegnando delle linee incrociate e decorandole con gli Smarties. Lasciate asciugare tutto per almeno un’ora.

decorazioni casa pan di zenzero

Montare le case di pan di zenzero

Scegliete il piano su cui poggiare la vostra casetta di pan di zenzero ed iniziate a montare le pareti. Per farlo, distribuite due strisce di glassa sulla parte frontale ed attaccatevi le due pareti laterali.

casa marzapane

Completate, quindi, la struttura fissando l’ultima parete con abbondante glassa. Utilizzate dei bicchieri di vetro o dei vasetti per sostenere la casetta, finché la glassa non si sarà asciugata completamente. Lasciatela in posa per almeno un’ora. Non abbiate fretta, è fondamentale che la struttura sia stabile prima di aggiungere il tetto.

 

Mettete, poi, un’abbondante strato di glassa lungo tutti i bordi superiori della casetta e sistemate i due pezzi che formeranno il tetto. Sigillate, quindi, le due parti del tetto con altra glassa e tenetele in posizione per un po’.

Se il vostro progetto lo prevede, trascorsa un’ora, aggiungete il comignolo.

A questo punto dedicatevi agli ultimi ritocchi: potreste usare della glassa per ricreare la neve che cade dal tetto o perfezionare le decorazioni. Lasciate quindi asciugare la vostra casetta di pan di zenzero per qualche ora.

casa pan di zenzero

Se realizzate le vostre case di Pan di zenzero seguendo i lnsotro schema inviatevi le vostre foto o taggateci sui social, siamo motlo cuoriosi e ci paice condividere

Torta alla zucca con gocce di cioccolato – senza burro da cucinare con i bambini

 

L’autunno è la stagione del foliage, delle calde coperte in lana e dei dolci a base di zucca. Cosa ne dite, allora, di provare a cimentarvi nella preparazione di una golosissima torta alla zucca con gocce di cioccolato insieme ai bambini?

Oggi abbiamo il piacere di ospitare Carlotta, ideatrice del meraviglioso blog Charlotte&Chocolate, che ci propone questa ricetta, davvero, semplice, ma molto gustosa, da realizzare con i bambini. Passo subito la parola a Carlotta!

La zucca, ingrediente principe dell’autunno, sta vivendo un vero e proprio periodo di gloria. Ultimamente la troviamo un po’ dappertutto perché si adatta perfettamente a ricette sia salate che dolci. Piccola curiosità: la zucca non è una verdura ma in realtà un frutto! Per essere più specifici un ortaggio di frutto, per cui l’utilizzo nelle torte è quindi ancora più opportuno, non siete d’accordo?

La ricetta che vi propongo per sfruttare la dolcezza della zucca è veramente facilissima, vi permetterà di realizzare una torta morbida e gustosa che piacerà a grandi e piccini. Il bello di questa ricetta è che non servono fruste elettriche o planetaria, basta preparare gli ingredienti secchi da una parte, quelli liquidi dall’altra e poi mescolare bene. Davvero facilissimo! Inoltre, è anche un ottimo modo per sfruttare la zucca quando ne preparate in quantità troppo grandi per essere consumata subito: potete serbarne da parte circa 250g per fare poi la vostra torta anche successivamente. Una ricetta facile e anche furba per una torta che diventa ancora più golosa con la semplice aggiunta di gocce di cioccolato, non vi resta che provarla subito!

 

 

 

Ingredienti della torta alla zucca con gocce di cioccolato

  • 250 g farina di riso
  • 1 cucchiaino di lievito
  • 1/2 cucchiaino bicarbonato
  • 75 g zucchero semolato
  • 75 g zucchero di canna
  • 60 ml olio di cocco (oppure altro olio vegetale)
  • 2 uova piccole
  • 250 g purea di zucca
  • ½ cucchiaino di zenzero
  • ½ cucchiaio di noce moscata
  • 1 cucchiaino di cannella
  • pizzico di polvere di chiodi di garofano
  • 100 g gocce cioccolato fondente

Procedimento

Per ottenere la purea di zucca basta lessare o cuocere al vapore la zucca e, poi, frullarla.

Setacciate la farina in una ciotola ed aggiungete poi gli altri ingredienti secchi (zuccheri e spezie).

In un’altra ciotola, ponete le uova e l’olio vegetale e sbattete leggermente con una forchetta.

Aggiungete la purea di zucca agli ingredienti liquidi.

Unite gli ingredienti secchi con quelli liquidi.

Mescolate per un paio di minuti, fino all’ottenimento di un composto liscio. A questo punto, unite le gocce di cioccolato.

Versate il composto nel vostro stampo preferito, imburrato oppure ricoperto di carta da forno.

Cuocete in forno preriscaldato a 175° per circa 40 minuti, o finché uno stecchino inserito nel centro esce pulito.

Sfornate, lasciate raffreddare e cospargete la vostra torta alla zucca e gocce di cioccolato di zucchero a velo prima di servirla.

 

NOTA: Ricordatevi di sciogliere l’olio di cocco, se si trova allo stato solido, prima di utilizzarlo.

 

charlotteandchocolateSe vi è piaciuta questa ricetta, trovate Carlotta anche su Instagram come @charlotteandchocolate

 

 

Biscotti di Halloween facili e veloci, da fare con i bambini

 

La festa più spaventosa dell’anno si avvicina e i biscotti di Halloween sono perfetti da preparare con i bambini in questo periodo. Una semplice pasta frolla da tagliare con le formine caratteristiche di questa festa: zucche, pipistrelli, fantasmi e teschi sono i protagonisti. E per finire, per renderli ancora più mostruosi, decoriamoli con la glassa colorata ma soprattutto divertiamoci con i nostri bambini.

Ingredienti per i biscotti di Halloween

bambine biscotti halloween

Le dosi indicate sono per circa due teglie da forno di biscotti, le quantità possono variare a seconda degli stampini utilizzati. Vediamo insieme gli ingredienti per i biscotti di Halloween:

  • 100 gr di burro ammorbidito
  • 100 gr di zucchero
  • 200 gr di farina bianca 00
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 pizzico di sale

Una volta cotti, i biscotti, ci siamo divertite a decorarli con la ghiaccia reale colorata,noi abbiamo scelto il bianco, il nero e l’arancione. Ecco come prepararla:

  • 1 albume d’uovo di medie dimensioni
  • 80 gr di zucchero a velo
  • qualche goccia di limone
  • colorante alimentare a piacere.

Se nella vostra ricetta dei biscotti di Halloween volete evitare i coloranti alimentari potete creare l’arancione aggiungendo qualche goccia di succo ace alla glassa bianca. Attenzione però che aggiungendo del liquido potrebbe risultare un pò liquida, in questo caso aggiungete un altro pò di zucchero a velo. Per la glassa nera potete optare per del cacao, ovvio non risulterà il nero intenso del colorante alimentare ma è una valida alternativa.

Procedimento per i biscotti di Halloween

bambine biscotti halloween impasto

La preparazione di questi biscotti è molto veloce e semplice, i vostri bambini si divertiranno molto a prepararli. Vediamo insieme passo dopo passo come prepararli:

  1. In una ciotola lavorate bene il burro con lo zucchero.
  2. Aggiungete l’uovo, la farina, il lievito e il sale e amalgamate bene fino ad ottenere un impasto liscio ed omogeneo.
  3. Fate riposare in frigorifero per circa 30 minuti.
  4. Stendete l’impasto con il matterello ad uno spessore di 4-5 millimetri
  5. Con degli stampini di Halloween tagliate i biscotti e posateli sulla teglia del forno rivestita con carta forno.
  6. Cuocete a 180 °C per 10-12 minuti
  7. Lasciateli raffreddare prima di decorarli

Mentre i biscotti cuociono nel forno prepariamo la glassa reale:

  1. In una ciotola mettiamo l’albume con qualche goccia di limone e montiamo a neve.
  2. Aggiungiamo lo zucchero a velo poco per volta e mescoliamo bene
  3. Dividiamo il composto in tre ciotoline e aggiungiamo il colorante alimentare continuando a mescolare, così fino ad ottenere il colore desiderato.

Una volta raffreddati i biscotti date libero sfogo alla creatività con i vostri bambini. Non mi resta che augurarvi buon divertimento!

 

 

Se provate a prepararli … ci piacerebbe moltissimo ricevere una foto dei vostri mostruosi biscotti di Halloween da condividere sui nostri social.

Allacciate il grembiule, sporcatevi di farina, infornate e fotografate il risultato!

 

 

Potrebbe interessarvi anche la Torta Strudelina, una profumatissima e semplicissima torta di mele tipica trentina.

La cucina di Viaggiapiccoli, spaghetti al limone e menta

 

La ricetta degli spaghetti al limone e menta l’abbiamo scoperta nelle nostre vacanze a Procida, sul’isola i limoni sono vero oro giallo. E’ una ricetta semplice e povera, che rispecchia il carattere dell’isola, ma anche profumata e freschissima. Si può fare in tutte le stagioni, ma la piccola magia è che sembra sempre di sentire il sapore dell’estate.

Spaghetti limone e menta, una ricetta perfetta per i bambini

ccucina viaggiapicocli spaghetti limone e menta

La ricetta degli spaghetti limone e menta la proponiamo per i bambini perchè l’abbiamo sperimentata a diverse feste e avendo u ngusto molto delicato ai bambini è piaciuta moltisismo e in questo modo si avvicinano a un gusto

Spaghetti al limone e menta: ingredienti

Per quattro persone

  • 400 grammi di spaghetti
  • Olio extravergine di oliva
  • 2 limoni
  • Foglie di menta a piacere

 

Difficoltà: 1

Preparazione: 5 minuti

Cottura :10 minuti

Spaghetti al limone e menta: la ricetta

Prendete due bei limoni, diciamo di taglia media, e lavateli con cura. È difficile che questo piatto possa riuscire male, per cui non preoccupatevi troppo della qualità dei limoni; noi, se possiamo dare un’indicazione, preferiamo su tutti i limoni-pane di Procida (si chiamano così perché la parta bianca sotto la scorza è notevolmente doppia e spugnosa).

Mettete l’acqua della pasta a bollire, e nel frattempo grattugiate la scorza dei limoni, facendo molta attenzione a fermarvi appena raggiunta la parte bianca (che è amara e non deve finire nel piatto!).

limone

Messa da parte la scorza grattugiata, prendete un’ampia padella e versate l’olio extravergine di oliva: la padella deve essere larga (diciamo almeno 28 cm, meglio ancora 32) e l’olio deve ricoprire tutto il fondo (mi rimetto alla vostra sensibilità ed alle vostre abitudini per decidere la quantità giusta, certamente lo strato di olio deve essere sottile).

Quando l’olio si è riscaldato, e la pasta sarà a metà cottura o pochissimo di più, dovete mettere da parte un bel bicchiere di acqua di cottura e scolare gli spaghetti.

spaghetti limone e menta

Nell’olio mettete prima metà della scorza grattugiata, e poi gli spaghetti. Mescolate il tutto, e se vi sentite in vena fate anche saltare gli spaghetti, così prendono più sapore. Aggiungete ora il succo di mezzo limone e un po’ di acqua di cottura (la quantità di acqua dipende da quanto avete cotto la pasta fino ad ora e da quanto vi piace al dente: comunque, un po’ di acqua va messa sempre), mescolate, saltate e spegnete la fiamma.

Adesso mettete sugli spaghetti la scorza residua e tanta menta tagliata a pezzetti (mi raccomando, con il coltello di ceramica o con le mani!), e servite.

Buon appetito!

Menù per Halloween con i bambini: ricette mostruose

 

Volete preparare un menù per Halloween con i bambini? Può essere l’idea perfetta per passare un pomeriggio mostruoso in casa, cucinando e giocando e festeggiare Halloween in famiglia. Ecco le nostre ricette mostruosamente facili, da preparare tutti insieme.

Menù per Halloween con i bambini: l’antipasto

L’antipasto è la cosa più divertente e facile. Prepariamo insieme le “Mini mummie”. Sono facilissimi da preparare anche con i bambini piccoli. Basta avvolgere i wurstel in striscioline  e fare gli occhietti con olive  e senape o Ketchup.

ingredienti wurstel halloween

Sciacquate  i wurstel e stendeteli su un panno o della carta da cucina. Stendete il rotolo di pasta sfoglia e tagliatelo a strisce di circa 1 cm.

Avvolgete  i wurstel con una striscia di pasta sfoglia arrotolandola tutt’intorno a spirale: lasciate scoperta solo la parte  finale (la faccia della mummia)  e sulla quale andranno sistemati gli occhi. Sistemate i wurstel ben distanziati su una teglia rivestita con carta forno.

Infornate in forno già caldo a 180° per 20 minuti circa, o fino a quando la pasta sfoglia non sarà ben dorata .

Una volta pronti fateli intiepidire tenendo la porta del forno semi aperta e poi con le olive tagliate e le salse realizzate gli occhi.

 

Consigli: se volete la pasta più dorate, sbattete in una ciotolina un tuorlo d’uovo con un po’ di latto e spennellate le vostre mummie.

 

Menù per halloween: il primo, la pasta malocchio

pasta di halloween

Divertente, spaventoso e buonissimo anche il primo del nostro menù di Halloween, La pasta Malocchio.

Praticamente è una semplice pasta al sugo, ma le tagliatelle di spinaci sono verdi e la mozzarella fusa con le olive diventano spaventosi occhi splatter.

I bambini però così mangeranno un sughetto fresco e tagliatelle agli spinaci. Bel trucco, no?

Menù per halloween: il dolce, le dita di strega

La ricetta delle dita di strega ce l’ha fatta scoprire Sofia, una compagna di scuola di Enrico che ha vissuto per sei anni in Inghilterra. Nei paesi anglosassoni gli Spooky Witches’ Fingers ( leggi la ricetta) le mostruose e buonissime dita di strega sono una vera istruzione la notte di Halloween.

 

Il menù di Halloween realizzato grazie a Kids cook-it

Il menù di Halloween lo abbiamo realizzato grazie al club di cucina per bambini Kids Cook It.

Cos’è? E’ un club di cucina per bambini.

Ogni mese ricevi una scatola con:

  • Tre ricette a tema
  • Un progetto creativo
  • Giochi sul cibo
  • Lista della spesa
  • Carte gioco sul tema del mese
  • 4 adesivi e un gadget da collezionare

 

Devo dire che l’idea dell’appuntamento mensile piace molto ai bambini. Noi questo mese ci siamo divertiti con le ricette. E i giochi di Halloween e siamo molto curiosi di scoprire il tema di novembre.

Quanto costa?

  • €19/al mese per 12 mesi
  • €22/al mese per 6 mesi
  • €25/mese al mese per 1 mese
  • Si può cancellare quando si vuole

La cosa divertente è che in cucina si ripete la matematica, si creano ricordi, i bambini acquisiscono fiducia in se stessi …e ci si diverte tantisismo. I kit non si ripetono mai.

E per gli amici della Cucina di Viaggiapiccoli c’è uno sconto di 15 euro usando il codice VIAGGIA5.

 

 

 

X