fbpx
cefalonia isola tartarughe

Per #raccontamilatuaestate vi voglio raccontare la nostra seconda estate in Grecia, dopo le isole di Naxos e Paros. Quest’ anno la nostra meta estiva è stata la maggiore delle isole Ionie: Cefalonia, l’isola delle tartarughe.

Dopo un lungo e freddo inverno avvertiamo tutti il bisogno di sentire l’aria calda intorno a noi, di tuffarci in un mare dalle mille sfumature di blu e di osservare i tramonti del sole seduti in spiaggia.

Il volo verso Cefalonia

Voliamo da Bergamo a Cefalonia, dotata di un aeroporto internazionale situato a 8 km dal capoluogo Argostoli e collegata comodamente con l’Italia grazie a voli diretti dalle principali città italiane.

Cefalonia, l’isola delle tartarughe: dove dormire a Lassi

Programmando la nostra vacanza abbiamo deciso di dividere il soggiorno in due zone dell’isola, a Sud e a Nord, per riuscire a cogliere le differenze dei paesaggi e del mare e abbiamo noleggiato l’auto per tutti i 16 giorni.

Cefalonia è un’isola splendida che merita di essere girata, noi quasi ogni giorno ci muovevamo verso una o due spiagge.

cefalonia spiagge

La prima settimana abbiamo soggiornato vicino a Lassi, presso Ammos Residence, direttamente sul mare; in pratica dalla veranda si accedeva alla spiaggia di sabbia. Un vero paradiso e una settimana molto rilassante; avremmo potuto comodamente rimanere lì tutta la settimana, la lunga spiaggia e il mare calmo e azzurro che degrada lentamente ci attiravano moltissimo ma sapevamo che c’erano anche altre bellissime spiagge ad aspettarci.

Tutta la costa sud dell’isola presenta spiagge basse e sabbiose, con numerosi stabilimenti adatti alle famiglie con bambini.

Cefalonia: le spiagge a Sud dell’isola

Noi vi consigliamo di visitare: Avithos beach e Lourdas, entrambe spiagge attrezzate di sabbia, molto adatte ai bambini;

Skala, una lunga spiaggia attrezzata con ampia zona di parcheggio sotto la pineta, con fondali bassi e sabbiosi, che presenta numerose attrazioni adatte sia ai più grandi sia ai piccini, dagli sport acquatici ai parchi giochi con gonfiabili sull’acqua, il divertimento è assicurato;

Petassa, un piccolo gioiello a cui si accede tramite una scala ripida ma non lunga, e infine Xi beach, la spiaggia rossa, attrezzata, con una bellissima taverna sul mare. Noi per raggiungere la spiaggia di Xi beach abbiamo preso il traghetto da Argostoli a Lixouri e in dieci minuti di navigazione siamo arrivati

grecia isole mare cefalonia

Sulla spiaggia di Ammos i nostri ragazzi hanno visto anche la spettacolare nascita delle tartarughe e il loro viaggio verso il mare mentre al porto di Argostoli abbiamo ammirato le grandi tartarughe.

Consiglio assolutamente di passare una serata ad Argostoli perché è molto carina e piena di ristoranti e locali.

Cefalonia, l’isola delle tartarughe: dove dormire a Sami

Per la seconda parte della vacanza ci siamo poi spostati a Sami a Nord dell’isola, presso gli studios Diamanto, con piscina e non troppo distanti dal mare. Nella zona di Sami abbiamo praticamente girato ogni giorno e visto spiagge e paesini molto caratteristici. Il paese di Fiskardo, a Nord di Cefalonia, lo consiglio perché è molto elegante, armonico e colorato.

Assos, invece, è un pittoresco villaggio totalmente immerso nel verde che merita di essere visitato anche solo per un pomeriggio.

Tutta la costa nord dell’isola presenta spiagge di sassi e ciottoli, con numerosi stabilimenti adatti alle famiglie con bambini

Cefalonia, cosa vedere nella parte nord dell’isola

Anche in questa zona vi consigliamo di vedere: Emblisi, incantevole baia a poca distanza da Fiskard

cefalonia bambini

Foki, insenatura molto simile ad un fiordo della Norvegia, con alberi di ulivo a far ombra. Molto caratteristica è una grotta raggiungibile a nuoto.

cefalonia cosa vedere

Siamo stati poi alle spiagge di Agia Jerusalem e Agia Kirakia, entrambe attrezzate e miste con sabbia e ciottoli.

Myrthos, la più famosa spiaggia dell’isola, ci accoglie da un promontorio con una spettacolare vista su un mare dalle mille sfumature di blu; il nostro suggerimento è arrivare presto al mattino per poter godere appieno della sua bellezza e delle sue acque turchesi; in fondo alla spiaggia si raggiunge con una breve passeggiata una grotta dove si entra e si esce direttamente in mare. Una meraviglia!!

Antisamos, la seconda più famosa dell’isola che come Myrthos bisogna raggiungere presto al mattino, presenta numerose attrazioni adatte sia ai più grandi e sia ai più piccini.

Portatevi una maschera per snorkeling per ammirare le meraviglie del mare.

cefalonia mare

Cefalonia, un viaggio per famiglie

In tutte le spiagge attrezzate i prezzi non superano i 10 euro giornalieri per due lettini e ombrellone.

Ulteriore consiglio sono le grotte di Melissani vicino a Sami per un giro in barca, il biglietto di ingresso è di 7 euro x adulti e 4 per bambini ed è consigliabile andare tra le 12 e le 14 per i bellissimi colori che il sole riflette.

Torniamo a casa con le sfumature del mare ad accompagnarci per il lungo inverno che ci aspetta.

famiglia al mare grecia

 

Post scritto da Monica Bricco, in vacanza con Leonardo, Nicolò e Paolo Di Muro

 

#raccontamilatuaestate

Il nostro motto è: “Esiste sempre un viaggio giusto”. Perciò abbiamo chiesto alla comunità di genitori che ci segue su Instagram e su Facebook di raccontarci la loro estate. Crediamo che per viaggiare con i bambini i migliori consigli siano quelli senza filtri.

Inviateci i vostri racconti:  #raccontamilatuaestate!

Troverete post scritti con stile diverso e con informazioni più o meno precise, ma saranno tutti post scritti da genitori che hanno visitato i luoghi con i loro bambini e che potranno rispondere a tutte le vostre domande.

 

Per #raccontamilatuaestate puoi leggere anche

Un week-end a Sant’Antioco e Carloforte

Mini guida delle Marche in cinque puntate

Passeggiata al Santuario di San Remedio

La Provenza con i bambini on the road

San Nicola Arcella, la spiaggia più bella della Calabria

Vacanze in Puglia: Gargano e non solo

Viaggio a Rodi con i bambini

La Val Fondillo: escursioni e passeggiate

viaggio rodi con bambini

Per #raccontamilatuaestate vi voglio raccontare il nostro viaggio in Grecia.  Quest’ anno la nostra meta estiva è stata un’isola dell’arcipelago del Dodecaneso: Rodi. Ecco il nostro racondo di un viaggio a Rodi con i bambini

Rodi, come arrivare e come muoversi

L’isola più grande dell’arcipelago è collegata comodamente con l’ Italia grazie al piccolo aeroporto, Diagoras, situato nella parte nord vicino alla omonima città principale Rodi.

Attenzione, le distanze sonoabbastanza ampie abbiamo noleggiato un’auto presso uno dei tanti autonoleggi presenti vicino lo scalo aeroportuale, che è stata il nostro mezzo di trasporto sull’isola.

Con i bambini, è consigliato noleggiare l’auto, anche se molte persone noleggiano veicoli a 2 ruote .

Rodi mare

Rodi, dove dormire

La nostra base è stata, Faliraki, paesino sulla costa ovest dell’isola, a 20 minuti di macchina da RODI.

La sua posizione è ideale come punto di partenza per visitare tutta la costa ovest dell’isola, inoltre è un paesino molto attrezzato e pieno di servizi per le famiglie, ci sono infatti numerosi supermarket e ristoranti con personale molto gentile e menù per bambini, c’ è addirittura uno sportello MC Donald.

Rodi bambini mare

Viaggio a Rodi con i bambini: le spiagge

Tutta la costa nord -ovest dell’isola presenta spiagge basse e sabbiose, con numerosi stabilimenti adatti alle famiglie con bambini.

Solo per segnalarne alcune, da Faliraki a Lindos ci sono:

La famosa BAIA DI ANTHONY QUINN, la Ladiko, superfotografata, che bisogna raggiugere presto al mattino per poter godere appieno della sua bellezza e delle sue acque turchesi;

AGHATI BEACH o Golden Beach, una baia tranquilla con acque calde e calme e fondale poco profondo di sabbia dorata, che deve il suo nome a una piccola cappellina dedicata a sant’Agata che si trova proprio alle spalle della spiaggia ed è raggiungibile a piedi. Poco lontano dalla baia si trova un delizioso borghetto di pescatori, Haraki, in cui si respira quella tradizione marinara ( con i tipici polpi appesi al sole ad asciugare) dell’isola che in altri centri più turistici non si trova;

TSAMBIKA BEACH, lunga spiaggia attrezzata con ampia zona di parcheggio nella duna, con fondali bassi e sabbiosi, che presenta numerose attrazioni adatte ai più grandi e piccini, dagli sport acquatici ai parchi giochi con gonfiabili sull’acqua, il divertimento è assicurato.

lyndos
Lyndos

Viaggio a Rodi con i bambini

In base alla nostra esperienza sull’isola posso dire che con i bambini la costa occidentale è da preferire in quanto meno ventilata e con baie e spiagge riparate dai forti venti per cui il mare è molto calmo.

rodi

Viaggio a Rodi con i bambini, tutte le escursioni

Sulla costa nord-ovest dell’isola è possibile visitare dei siti d’interesse culturale adatti anche ai bambini.

Partiamo con la visita alla città medievale di Rodi, in particolare il grandissimo centro storico racchiuso nelle maestose mura (Old Town) che culmina con il Palazzo dei Gran Maestri dei Cavalieri di Rodi, visitabile a piedi e con i passeggini.

Passiamo dal centro storico al porto dove è possibile imbarcarsi su battelli che offrono escursioni, sia giornaliere che anche solo per qualche ora, con possibilità di vedere la costa via mare o isole vicine, o come abbiamo fatto noi, la visita dei fondali col mezzo sottomarino.

Un’ altra giornata la si può dedicare alla visita di Lindos, un caratteristico borgo di case bianche che dominano un promontorio e che culmina con un’acropoli a cui si accede con una scalinata da fare a piedi o in groppa a un’asinello.

Rodi, un’escursione imperdibile: la valle delle Farfalle

Non lontano dalla costa ma nell’ entroterra, proprio al centro dell’ isola, in località Petaloudes, si può programmare un’escursione alla Valle delle farfalle, che rappresenta una vera meraviglia della natura soprattutto perché ti proietta in un ambiente diversissimo dai panorami costieri che offre l’isola.

Si tratta di una riserva naturale attraversata da un fiume e delle cascate in cui vengono a nidificare le farfalle, della specie Panaxia Quadripunctaria. La particolarità sta nel fatto che si possono vedere milioni di farfalle, appoggiate ai tronchi degli alberi e al fogliame per terra, che si mimetizzano a tal punto da formare dei veri e propri tappeti. Ma bisogna stare attenti a non fare rumore per non farle volare via. Per i bambini è un’esperienza davvero nuova anche per imparare il rispetto per la natura e per degli esserini tanto delicati quanto le farfalle.   Inoltre nella riserva è possibile visitare un piccolo monastero ortodosso situato in posizione panoramica con vista sulla costa est dell’isola.

 

Finisce così la nostra settimana a Rodi nella quale abbiamo esplorato la parte nord occidentale dell’isola convinti che ci sia ancora molto altro da vedere.

 

 

Post scritto da Rosa Ricciardi, con Francesco Viola e Alfonso

 

 

 

 

 

Il nostro motto è: “Esiste sempre un viaggio giusto”. Perciò abbiamo chiesto alla comunità di genitori che ci segue su Instagram e su Facebook di raccontarci la loro estate. Crediamo che per viaggiare con i bambini i migliori consigli siano quelli senza filtri.

Inviateci i vostri racconti:  #raccontamilatuaestate!

Troverete post scritti con stile diverso e con informazioni più o meno precise, ma saranno tutti post scritti da genitori che hanno visitato i luoghi con i loro bambini e che potranno rispondere a tutte le vostre domande.

 

Per #raccontamilatuaestate puoi leggere anche

Un week-end a Sant’Antioco e Carloforte

Mini guida delle Marche in cinque puntate

Passeggiata al Santuario di San Remedio

La Provenza con i bambini on the road

San Nicola Arcella, la spiaggia più bella della Calabria