fbpx


Come intrattenete i vostri figli in viaggio, durante un volo o semplicemente al ristorante?! Anche Juna con la sua rubrica partecipa al vademecum di gruppo di viaggiapiccoli suo Giochi in viaggio.

Juna, 31 anni, con Grace, due anni, di alberghi ne ha  scelti tanti nei suoi viaggi, molti giusti, alcuni sbaglaiti. Ecco i suoi consigli su come scegliere un Family hotel, senza avere brutte sorprese nella nuova rubrica per Viaggiapiccoli: In viaggio con Juna

Siete del team tablet o a casa vostra la tecnologia è bandita?!

La nostra bimba compirà 3 anni ad aprile e non sa cosa sia un tablet ne tanto meno il cellulare. In compenso guarderebbe la Tv tutte le volte che ne ha l’opportunità, ma ovviamente esiste una regola anche per vedere i cartoni. Preferiamo passare il tempo all’aria aperta o in altre attività. read more

giochi in viaggio origami

Giochi in viaggio per intrattente i bambini è una rubrica condivisa con i lettori di Viaggiapiccoli, per creare insieme una guida con idee per inttrattenere i bambini durante spostamenti e attese, in viaggio… e non solo. Una guida fatta dai genitori.

Ogni volta ospitiamo una famiglia, i loro viaggi e i loro giochi.

Vi presentiamo Giulia e la Buzzi Family

Noi siamo una famiglia che amo definirmi popolana. Io sono diventata madre nel mezzo dell’Università, ho affrontato la prima gravidanza a Lisbona perché avevo vinto una borsa di studio a Lisbona e non volevo rinunciarci. Dopo mi sono laureata a Roma quando Clarissa aveva 2 anni. E facevamo su e giù per i miei esami universitari. Viviamo a Udine e da quattro mesi quasi abbiamo il secondo arrivato Leonardo! Io e Fabio prima viaggiavamo molto, ora con i bambini abbiamo deciso per la nostra popolanità (ad esempio non possiamo andare a Dubai, o mete del genere per intenderci) facciamo viaggi carini ma in zona italiana. read more

Giochi da viaggio

Giochi in viaggio per intrattente i bambini è una rubrica condivisa con i lettori di Viaggiapiccoli, per creare insieme una guida con idee per inttrattenere i bambini durante spostamenti e attese, in viaggio… e non solo.

Ogni volta ospitiamo una famiglia, i loro viaggi e i loro giochi.

Vi presentiamo Vita in Famiglia

Mi chiamo Evelina, blogger milanese di vitainfamiglia.it e mamma di 3 bambini di otto, sette e tre anni.
Viaggiamo da sempre e con i nostri bambini ci siamo spostati con ogni mezzo di trasporto, dal treno all’aereo, dall’auto, alla nave, etc.. read more

Giochi in viaggio per intrattente i bambini è una rubrica condivisa con i lettori di Viaggiapiccoli, per creare insieme una guida con idee per inttrattenere i bambini durante spostamenti e attese, in viaggio… e non solo.

Ogni volta ospitiamo una famiglia, i loro viaggi e i loro giochi.

Vi presentiamo i Cirillos

Oggi abbiamo i consigli dei Cirillos: mamma Chiara, papà Livio, Lorenzo, 8 anni , Luca, 5 anni, ed Agata 3.  “Gli amici ciconsideriamo degli appassionati – spiega Chiara – Nei primi anni di vita di Lory abbiamo passato più tempo all’estero che nella nostra città natale: Napoli. Amiamo viaggiare ma amiamo tantissimo anche la nostra città ed è per questo che abbiamo scelto di fare accoglienza turistica e far conoscere la “nostra Napoli” spesso legata da banali luoghi comuni. A gennaio (periodo per noi di bassa stagione ) organizziamo spesso un viaggio  per staccare con il lavoro (I cirillos hanno titolari di un bellisismo B&B a Napoli, Magma home): Foreventura  e Lanzarote la nostra preferita, quet’anno Marocco itinerante in auto.  Mentre d’estate scegliamo obbligatoriambte Punta Licosa per un mese di vacanza al mare e per l’altra parte dell’estae Campeggio itinerante( Croazia/ Puglia/ Sardegna) . Altri viaggi organizzati con i bimbi : Parigi varie volte, Madrid, Israele on the road, Sinai (Basata), Croazia on the road, Trekking in Irlanda con Lorenzo di 6 mesi. Italia : Roma, Bologna, Milano, Venezia,  Sicilia on the road, Puglia ( Tremiti)….”. read more

viaggio bambini giochi

Il viaggio non è solo arrivare in un luogo, non è solo vedere dei posti famosi o mangiare piatti tipici. Il viaggio è l’avventura. Anche gli spostamenti fanno parte del viaggio. Ma voi cosa fate durante un’attesa all’aeroporto o un lungo spostamento in auto o treno? Avete un passatempo? Leggete? O smanettate solo con il cellulare chiedendo a tutti se c’è un wifi free? E soprattutto come intrattenete i vostri bambini? Abbiamo deciso di aprire con voi una nuovissima rubrica: Giochi in viaggio. Giochi ed espedienti per intrattenere bimbi piccoli, scolari e adolescenti in viaggio. read more

Cina organizzare viaggio

La Cina è un Paese immenso, pieno di fascino, di storia e di cultura, ma anche di paesaggi naturali diversissimi tra di loro. Si può visitare un pezzo alla volta, e noi abbiamo scelto, per il nostro primo viaggio in Cina con i bambini, di iniziare con la storia di Pechino e di finire con la modernità di Shanghai (Leggi Shanghai con i bambini).

Perché andare in Cina con i bambini?

  • Perché sapranno cogliere le differenze con un Paese tanto diverso dal nostro
  • Perché si divertiranno a provare ad usare le bacchette a tavola, anche se non ci riusciranno facilmente
  • Perché è un Paese grande ma con infrastrutture all’avanguardia, per cui è facile da girare
  • Perché ci sono ben due Disneyland

Da Pechino e Shanghai: il meglio del nostro viaggio

1 – La visita alla Muraglia Cinese: maestosa, affascinante e… divertente!

2 – La città di Xi’an, piena di storia e di sorprese (meritava più tempo) read more

Da quando ho iniziato a viaggiare, passando per la cima di Machu Picchu per poi scendere sulle rive del Gange a Varanasi e arrivare a sorseggiare un caffè turco  a Istanbul, abbiamo sempre stipulato un’assicurazione di viaggio.

L’assicurazione è una di quelle cose fondamentali da fare quando si pianifica un viaggio all’estero e purtroppo molte persone continuano a partire senza.

In viaggio con Juna Juna, 31 anni, con Grace, due anni, di alberghi ne ha  scelti tanti nei suoi viaggi, molti giusti, alcuni sbaglaiti. Ecco i suoi consigli su come scegliere un Family hotel, senza avere brutte sorprese nella nuova rubrica per Viaggiapiccoli: In Viaggio con Juna. Su Instagram Juna ha una pagina che si chiama LavaligiadiBuba.
 

La mia esperienza in Messico con l’assicurazione di viaggio giusta

Vi racconto di quella volta in Messico nel 2012, dopo aver girato in lungo e largo Yucatan e Chiapas per quasi un mese, decidiamo di rilassarci a Tulum e precisamente a Playa Paraiso! read more

Bambini scelta hotel
Come scegliere un hotel baby-friendly ? In un viaggio di coppia, la scelta dell’hotel ricade su pochi parametri fondamentali quali il prezzo e la posizione, nulla più. Mentre invece quando si comincia a viaggiare con i bambini il discorso è ben diverso.Juna, 31 anni, con Grace, due anni, di alberghi ne ha  scelti tanti nei suoi viaggi, molti giusti, alcuni sbaglaiti. Ecco i suoi consigli su come scegliere un Family hotel, senza avere brutte sorprese nella nuova rubrica per Viaggiapiccoli: In viaggio con Juna

I neonati in albergo pagano?

I bambini sotto i 2 anni generalmente non pagano, in molti hotel anche fino a 6-10anni a seconda della loro politica. Per esempio soggiornano gratis nel letto dei genitori, mentre pagheranno una quota se verrà aggiunto un letto per loro. 

La maggior parte delle volte ci affidiamo a Booking.com per la ricerca dell’hotel più adatto alle nostre esigenze. Io vi consiglio di non inserire il bambino al momento della ricerca iniziale, ma solo successivamente quando avrete fatto già una scelta dei vostri 4-5 hotel preferiti in base al prezzo e alla posizione, altrimenti booking vi proporrà camere triple anche se il vostro piccolo ha meno di 2 anni. Andrete poi a controllare singolarmente tra i servizi dell’hotel se sono ammessi bambini, se soggiorneranno gratis in base all’età e se sarà disponibile la culla per i più piccoli. 

Meglio l’hotel o l’appartamento con un bambino piccolo?

C’è chi preferisce gli hotel, chi gli appartamenti, noi decidiamo a seconda della destinazione e del numero di notti. Nel nostro ultimo viaggio nei paesi Baltici abbiamo sempre soggiornato in hotel, solamente 3 giorni a Tallin abbiamo scelto un appartamento perché il prezzo era più interessante e soprattutto per la lavatrice. Trovandoci a metà viaggio avevamo esigenza di lavare i (pochi) vestiti che avevamo con noi. Mentre nel nostro viaggio di 10 giorni a New York abbiamo preferito un hotel, con ricca colazione a buffet la mattina fino a tardi. Qualche sera abbiamo consumato cibo da asporto nella sala colazione dove c’era sempre a disposizione un bollitore e un microonde.  

I criteri per noi fondamentali con cui scegliamo gli hotel sono:

  • La posizione
Che deve essere comoda, preferibilmente in centro città ma anche un po’ fuori ma ben servita dai mezzi pubblici (metro, autobus, ecc.).
  • Il prezzo adeguato
  • La colazione
Scegliamo sempre questa opzione, ci piace partire la giornata a stomaco pieno.
  • La disponibilità di culla o lettino da campeggio per Grace
Per noi fondamentale dato che la piccola dorme solamente nel suo lettino e non è abituata a dormire con noi
  • Il bagno privato per maggior comfort (anche se ci è capitato di averlo condiviso)
  • Parcheggio gratis privato o nelle vicinanze, ovviamente solo se provvisti di auto!

 

Da cosa riconosciamo che un hotel è davvero baby-friendly?

Da molte piccole accortezze quali:
  • Particolare accoglienza del personale e un occhio di riguardo per i più piccoli
  • Disponibilità di lettini da campeggio, provvisti di cuscino e piumone

(ci è capitato in alcuni posti che Grace dormisse in lettini addirittura senza il materasso, per fortuna fino ad ora si è sempre adattata ad ogni situazione!)

  • Asciugamano e piccolo accappatoio per la doccia, vaschetta da bagno
  • Fasciatoio
  • Riduttore per il wc o vasino
  • Sgabello piccolo
  • Seggiolone
  • Stoviglie di plastica colorata per la colazione
  • Angolo giochi con tavolino, libri e altre attività.

Per nostra esperienza posso dire, ad oggi, che nei paesi del Nord Europa si trovano facilmente hotel baby friendly, come lo spazio bimbi nei locali, c’è un’attenzione maggiore per i piccoli ospiti. Siamo rimasti piacevolmente sorpresi anche dal Portogallo, abbiamo sempre trovato tutto l’occorrente per la nostra piccola.
read more

Neonato in aereo consigli

In areo con un neonato: quali sono i rischi? quali le precauzioni? come affrontare il primo volo? Ci sono dei trucchi? 

Sono le domande che ogni genitore si fa quando deve portare tra cielo e terra il suo piccolo, magari di pochi mesi. Volare può fare paura.  Ecco  i consigli in prima persona di Ilaria, viaggiatrice appassionata con Mattia, la sua Pulce in viaggio e la sua nuova rubrica per Viaggiapiccoli Consigli di viaggio di una pulce.

Il primo volo di un neonato

Da amante dei viaggi, appena ho scoperto di aspettare mio figlio, ho iniziato a pensare a dove portarlo per il suo primo volo. Nonostante non ci sia nessun rischio, portare i bambini in aereo, soprattutto quando si tratta del loro primo volo, crea sempre qualche preoccupazione ai genitori. read more

Le vacanze, due o magari tre settimane che aspettiamo tutto l’anno, diventano uno stress se hai dei bambini? Qualche giorno fa ho letto su Repubblica l’articolo nel link, in cui un esperto, Alberto Pellai, psicoterapeuta dell’età evolutiva presso il Dipartimento di Scienze Bio-mediche dell’Università degli Studi di Milano nonché autore del libro Il metodo famiglia felice (De Agostini) spiega che: “Viaggiare con i ragazzini, soprattutto se adolescenti, può essere logorante. Hanno spesso da ridire e si annoiano a stare con i genitori. Anche quando sono piccoli, ci possono essere delle difficoltà”. Non voglio entrare nel merito dell’articolo, ma voglio ribaltare il titolo “Come sopravvivere alle vacanze con i figli” in “Come si va in vacanza con i bambini senza stress”. read more