Viaggiapiccoli nasce a Napoli, ma forse lo avrete capito: amiamo viaggiare. E amiamo farlo in compagnia. Oggi inauguriamo una nuova rubrica: “Roma per Bambini nei week-end” a cura di Stefania Fracasso. Un’agenda per organizzare il fine settimana (quando le scuole chiudono e i bimbi scalpitano) in famiglia, facendo divertire i più piccoli. Non sono tutti gli eventi a Roma, ma sono gli eventi che Stefania, mamma di Fiamma, ha scelto per noi, cerando di proporre un’idea giusta per tutti… dal teatro al museo, dai laboratori di lettura alla scienza. read more

Il tempo è cambiato, la temepratura è scesa bruscamente in questi ultimi due giorni. È arrivato  l’autunno. Ma, per fortuna le giornate sono ancora lunghe e luminose e sono tante le occasioni per il week end in famiglia. Questa settimana a Napoli e provincia gli appuntamenti iniziano dal venerdì: teatro, scienza, cantine aperte, sagre e mongolfiere. A voi la scelta.

Venerdì 28 settembre

Tutti scienziati a Città della Scienza

Anche Città della Scienza quest’anno sarà protagonista nella Notte Europea dei Ricercatori a Napoli con SHARPER – SHAring Researchers’ Passions for Evidences and Resilience. read more

È arrivato l’autunno. E si raccoglie l’uva, ormai dolce e matura. In campagna la vendemmia è il momento più atteso. È un momento magico. Tra le vigne arrivano, amici, vicini, parenti. Si lavora insieme, dall’alba al tramonto. Guanti, forbici, cassette. Le mani si inzuppano di succo d’uva e dopo un po’ cominciano a fare male, come la schiena. Ma si va avanti… e ci si aiuta l’uno l’altro. Il lavoro di un anno deve essere raccolto e trasformato. Ci vuole concentrazione. Ci vuole lavoro di squadra read more

Qual è il suono che fa la magia?

Spiff.

Ed ecco l’incantesimo, lo stupore

Spiff.

Scrivo di getto, perché non voglio perdere la gioia che ho nel cuore. Nel nostro blog come avete visto c’è una sezione “i nostri posti del cuore”. Cosa sono? Ecco, quando ho aperto il blog ho subito pensato che volevo raccontare non solo i nostri viaggi, con dati, informazioni pratiche e consigli (cosa tra l’altro in cui è bravissimo soprattutto Francesco), ma anche i luoghi, le persone… la magia, volevo parlare di quei luoghi in cui (in viaggio o nella nostra città, Napoli) ci sentiamo a casa. read more

In inglese si dice “fall in love”, “cadere nell’amore”. Ed è proprio così: in questo mese di settembre è come se avessi fatto un bel capitombolo nel cuore di Napoli, sono innamoratissima della “mia” città ( lo metto tra virgolette perché Francesco è napoletano, ma io sono stata adottata). Domenica con i piccoli abbiamo fatto un vero e proprio tuffo in uno dei posti che più amo: l’Area marina protetta della Gaiola.

Mare cristallino, acqua ghiacciata e come piace ad Enrico tanta natura da scoprire. Non siamo riusciti a provare tutto, ma ci vogliamo assolutamente tornare, anche più di una volta… perché quando scopri il paradiso è difficile dimenticarlo. Un posto da….bacchetta magica
read more

Viaggiapiccoli inaugura l’agenda degli appuntamenti per il week-end a Napoli per famiglie e bambini. Un’agenda per i bambini dai tre ai 13 anni, napoletani e non. L’obiettivo è quello di arrivare a organizzare un’agenda completa con tutti gli eventi in città, ma soprattutto con eventi a cui noi abbiamo partecipato o a cui hanno partecipato amici di cui ci fidiamo. Ci piace conoscere chi ogni giorno si impegna per i nostri piccoli. Noi genitori vogliamo dare stimoli ai bambini, ma devono essere di qualià. Ed ecco perchè nella nostra agenda troverete solo appuntamenti “verificati”. read more

Diciamolo subito, ognuno ha il suo metodo per fare la valigia: c’è chi fa le liste e chi fa tutto all’ultimo momento. In ogni caso il giorno prima della partenza scatta il panico.

Noi siamo abituati a fare e disfare i nostri bagagli e ormai abbiamo diverse tecniche.

Cosa mettere nella valigia?

Come sistemare tutto?

Ecco cinque tips per cinque valigie diverse e due regole d’oro

“Portate meno cose possibili, pensate alle lavatrici del rientro”

“Portate sempre un libro, non sarà peso inutile” read more

Quando siamo partiti per il nostro viaggio per la Cina, tutti ci hanno detto: “Vi innamorerete di Shanghai!”. E, quindi, nel nostro itinerario di tre settimane abbiamo previsto di fermarci sette giorni, di cui due – rullo di tamburi – al nuovissimo parco Disneyland.

Le prime impressioni: città favolosa, sembra di sbarcare nel futuro. Grattacieli altissimi, luci, grandi strade attraversate da migliaia di persone di ogni colore. La mattina gruppi di anziani fanno Tai Chi lungo Nanjing Lu (Nanjing Road), la via dello shopping. Ma, passata l’ubriacatura del primo incontro, in verità la città è piaciuta più ai bambini che a noi. Shanghai è la porta dell’occidente in Cina, città di droghe e prostituzione ai primi del ‘900 e di grattacieli e movida oggi. A noi (che non facciamo molta vita notturna) è sembrata una copia di New York senza una vera anima. read more

Si può vivere senza magia? No. Anche i più seri hanno bisogno di un pizzico di polvere magica nella vita. E c’è un luogo in cui tutti, anche quelli burberi e scontrosi, tornano bambini: Disneyland.

Se poi si ha un bimbo, Disneyland, è una meta obbligata, per fermare il tran tran quotidiano e ricordarsi di sognare.

Il nostro sogno, come famiglia, è di vederli tutti, i parchi Disney.

Lo sapevate che il primo parco Disney è stato inaugurato in California nel 1955?

Oggi oltre al parco originale, ne esistono altri 5 nel mondo: read more

Siamo appena tornati da un viaggio favoloso di tre settimane in Cina con i bambini, e ho già in mente una lista infinita di post tra consigli e racconti, ma al volo scrivo due righe sul nostro terribile rientro all’aeroporto di Napoli, sperando possa essere un post utile a altre famiglie sull’acoglienza alle famiglie negli aeroporti italiani.

All’aeroporto di Napoli

Siamo abituati a viaggiare e a fare le file per il controllo documenti all’estero, a vedere i nostri bagagli aperti, a farci fotografare e lasciare impronte digitali. Siamo abituati alle lunghe file d’attesa per gli ”Stranieri”, ma quando torniamo in Italia, a casa nostra, non vogliamo sentirci discriminati perché abbiamo figli. Ma questo è accaduto. read more